ricerca il tuo profilo
attualita
31-01-2021
1336

Lo Stromboli e il rischio tsunami nel Tirreno, ecco lo studio dell'Ingv

Il vulcano delle Eolie rappresenta il maggiore pericolo in tutto il Mediterraneo, e c'è il precedente del 2002

«Il cratere di Stromboli rappresenta la maggiore sorgente di rischio tsunami nel mar mediterraneo». Lo afferma Giuseppe De Natale, dirigente di ricerca dell’Ingv, già direttore dell’Osservatorio Vesuviano, in occasione del lancio del manifesto «Ricucire l’Italia per un nuovo assetto Euro-Mediterraneo», firmato da oltre 500 rappresentanti del mondo accademico, scientifico e intellettuale.

Lo studioso puntualizza che l’area napoletana ha il più alto rischio vulcanico al mondo: circa 3 milioni di persone abitano entro la distanza di 20 km da una possibile bocca vulcanica. Poi ci sono i vulcani siciliani l’Etna, quelli delle Eolie, e i vulcani sottomarini in particolare nel basso Tirreno. «Il rischio vulcanico in Italia - spiega De Natale - è estremamente variabile, poiché dipende dalla natura e dalla localizzazione degli apparati vulcanici considerati. L’Etna è un tipo di vulcano che non pone rischi immediati per la vita umana, sebbene alcune colate laviche possano talvolta minacciare i centri abitati. Il rischio principale è quello sismico legato ai processi vulcanici e alle faglie che contornano l’Etna».

Facebook Twitter Google +
Seguici su
Google News
Resta sempre aggiornato
con le notizie di Seguonews
Commenti
Lo Stromboli e il rischio tsunami nel Tirreno, ecco lo studio dell'Ingv
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.

Ti potrebbero interessare

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
.1
Realizzazione Siti web Caltanissetta