ricerca il tuo profilo
cronaca
30-03-2021
497

Il Porto di Palermo del futuro. Verde, terrazze e passerelle

L'Autorità portuale ha presentato il nuovo progetto dello scalo, un'opera di complessiva riqualificazione delle aree di interfaccia che separa il porto dal centro città, con un investimento di 35 milioni.

Sarà un lungomare fronte porto con verde, terrazze e passerelle. L'Autorità portuale ha presentato il nuovo "waterfront" dello scalo di Palermo, un'opera di complessiva riqualificazione delle aree di interfaccia che separa il porto dal centro città, con un investimento di 35 milioni, di cui quasi un milione e mezzo - per la progettazione - finanziati dalla Commissione europea. Opera per cui esiste già un cronoprogramma preciso dei lavori: inizieranno a ottobre prossimo e proseguiranno per 18 mesi fino a marzo 2023. 

L'area, progettata dallo studio Valle 3.0, sarà riqualificata secondo un modello turistico-culturale: nuovi spazi e immobili polifunzionali con servizi per migliorare l'accoglienza per passeggeri e camionisti e gli operatori portuali; sovrappassi e passerelle di collegamento con le stazioni di imbarco passeggeri, nuove aree di parcheggio per veicoli pesanti e autovetture in attesa dell'imbarco in via Crispi e sistemi di controllo e varchi di sicurezza. E ancora aree verdi per migliorare la vivibilità e fruibilità degli spazi urbani e portuali. 

Il progetto, che segue il piano regolatore portuale si sviluppa longitudinalmente per circa 400 metri lungo la via Crispi, su una superficie di circa 52mila metri quadrati compresa tra il molo Santa Lucia e il Molo Vittorio Veneto. "L'azione - spiega il presidente dell'Autorità portuale Pasqualino Monti - riguarda la progettazione delle infrastrutture dedicate all'accesso stradale e alla movimentazione di autocarri e merci all'interno del terminal multimodale Ro-Ro, nuove aree di parcheggio per camion, nuovi marciapiedi, rinforzo del molo ma anche altre infrastrutture come aree verdi, cantieri di controllo e cancelli, coperture a sbalzo. Il progetto crea per la comunità un miglioramento dei tempi di attesa da e per il porto, del decoro urbano e della qualità della vita; una riduzione dei tempi di attesa all'imbarco e allo sbarco e della congestione prodotta dalle attività portuali e dalle interferenze con il traffico cittadino, e una riorganizzazione funzionale degli spazi".

Sul tema interviene anche il capogruppo di Italia Viva Dario Chinnici: Grazie all'ottimo lavoro svolto dal presidente dell'Autorità portuale della Sicilia occidentale, Pasqualino Monti, i porti di Palermo e Termini Imerese godranno di un piano di investimenti da 400 milioni di euro che serviranno a migliorare il rapporto tra i centri urbani e la costa. L'inaugurazione della stazione marittima del porto di Palermo e il progetto di riqualificazione delle aree di collegamento fra il porto e la città sono la dimostrazione che il pubblico, quando è ben gestito, può rappresentare una leva indispensabile di sviluppo per il territorio".

L'Autorità portuale ha presentato il nuovo progetto dello scalo, un'opera di complessiva riqualificazione delle aree di interfaccia che separa il porto dal centro città, con un investimento di 35 milioni.Sarà un lungomare fronte porto con verde, terrazze e passerelle. L'Autorità portuale ha presentato il nuovo "waterfront" dello scalo di Palermo, un'opera di complessiva riqualificazione delle aree di interfaccia che separa il porto dal centro città, con un investimento di 35 milioni, di cui quasi un milione e mezzo - per la progettazione - finanziati dalla Commissione europea. Opera per cui esiste già un cronoprogramma preciso dei lavori: inizieranno a ottobre prossimo e proseguiranno per 18 mesi fino a marzo 2023. L'area, progettata dallo studio Valle 3.0, sarà riqualificata secondo un modello turistico-culturale: nuovi spazi e immobili polifunzionali con servizi per migliorare l'accoglienza per passeggeri e camionisti e gli operatori portuali; sovrappassi e passerelle di collegamento con le stazioni di imbarco passeggeri, nuove aree di parcheggio per veicoli pesanti e autovetture in attesa dell'imbarco in via Crispi e sistemi di controllo e varchi di sicurezza. E ancora aree verdi per migliorare la vivibilità e fruibilità degli spazi urbani e portuali. Il progetto, che segue il piano regolatore portuale si sviluppa longitudinalmente per circa 400 metri lungo la via Crispi, su una superficie di circa 52mila metri quadrati compresa tra il molo Santa Lucia e il Molo Vittorio Veneto. "L'azione - spiega il presidente dell'Autorità portuale Pasqualino Monti - riguarda la progettazione delle infrastrutture dedicate all'accesso stradale e alla movimentazione di autocarri e merci all'interno del terminal multimodale Ro-Ro, nuove aree di parcheggio per camion, nuovi marciapiedi, rinforzo del molo ma anche altre infrastrutture come aree verdi, cantieri di controllo e cancelli, coperture a sbalzo. Il progetto crea per la comunità un miglioramento dei tempi di attesa da e per il porto, del decoro urbano e della qualità della vita; una riduzione dei tempi di attesa all'imbarco e allo sbarco e della congestione prodotta dalle attività portuali e dalle interferenze con il traffico cittadino, e una riorganizzazione funzionale degli spazi".Sul tema interviene anche il capogruppo di Italia Viva Dario Chinnici: Grazie all'ottimo lavoro svolto dal presidente dell'Autorità portuale della Sicilia occidentale, Pasqualino Monti, i porti di Palermo e Termini Imerese godranno di un piano di investimenti da 400 milioni di euro che serviranno a migliorare il rapporto tra i centri urbani e la costa. L'inaugurazione della stazione marittima del porto di Palermo e il progetto di riqualificazione delle aree di collegamento fra il porto e la città sono la dimostrazione che il pubblico, quando è ben gestito, può rappresentare una leva indispensabile di sviluppo per il territorio".

Condividi Video
Commenti
Il Porto di Palermo del futuro. Verde, terrazze e passerelle
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.

Ti potrebbero interessare

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
.1
Realizzazione Siti web Caltanissetta