ricerca il tuo profilo
cronaca
11-05-2021
14313

Caso Pipitone, si chiama Denise la 20nne di Scalea. La testimone: è qui da quattro mesi, dice di non sapere dove è nata

Si chiama Denise, è di origini romene e ha 19 anni, e non 21 come appreso in precedenza, la ragazza di Scalea, in provincia di Cosenza, sulla quale i Carabinieri, da ieri, hanno avviato degli accertamenti a seguito di una segnalazione giunta da una cittadina che riferisce similitudini con Denise Pipitone, la bambina scomparsa nel settembre del 2004 da Mazara del Vallo. Secondo quanto riferito, la donna, una parrucchiera di Scalea, ha inviato un messaggio vocale nel quale ha riferito di aver riscontrato delle somiglianza fisiche, ma soprattutto legate "alla genesi di questa ragazza", con la figlia di Piera Maggio, che oggi avrebbe 20 anni, perché nata il 26 ottobre 2000.
La ragazza non si è sottratta alle verifiche e ha fornito i nomi dei genitori e altre informazioni utili a ricostruire il suo passato. Di tutto è  stata informata la Procura della Repubblica di Marsala che dovrà decidere se procedere o meno ad effettuare la comparazione del dna.

La testimonianza
La supertestimone e il mistero dei documenti d'identità. Si chiama Grazia Bonanno ed è originaria di Palermo la parrucchiera di Scalea che ha allertato i carabinieri segnalando la presenza di una ragazza di 19 anni che si chiama Denise e vive nella cittadina tirrenica della provincia di Cosenza.
"Mi ha detto di chiamarsi Denise e di essere italiana" racconta la parrucchiera. "È qui da quattro mesi, dice di non sapere dove è nata. A me ha detto di essere un pò calabrese, un pò di Roma, un pò di Firenze... E mi ha anche confidato che il padre le è morto quando aveva sette anni. Ha i capelli rosa e avrebbe voluto lavorare nel mio salone di bellezza. Quando si è allontanata con la famiglia rom di cui era in compagnia ho chiamato i carabinieri. Non so se è lei: io l'ho pensato osservando i tratti somatici, la cicatrice su una guancia e la fossetta che mi è sembrata uguale a quella del padre di Denise Pipitone. Anche se non dovesse essere Denise mi auguro che si scopra chi è e se ha bisogno di aiuto".

La 19enne Denise su cui i carabinieri di Scalea stanno compiendo accertamenti pare fosse in possesso di doppi documenti d'identità, uno rilasciato dalle autorità italiane e l'altro da quelle romene. Chi è davvero questa ragazza?

Fonte: Rai News e Gazzetta del sud

Si chiama Denise, è di origini romene e ha 19 anni, e non 21 come appreso in precedenza, la ragazza di Scalea, in provincia di Cosenza, sulla quale i Carabinieri, da ieri, hanno avviato degli accertamenti a seguito di una segnalazione giunta da una cittadina che riferisce similitudini con Denise Pipitone, la bambina scomparsa nel settembre del 2004 da Mazara del Vallo. Secondo quanto riferito, la donna, una parrucchiera di Scalea, ha inviato un messaggio vocale nel quale ha riferito di aver riscontrato delle somiglianza fisiche, ma soprattutto legate "alla genesi di questa ragazza", con la figlia di Piera Maggio, che oggi avrebbe 20 anni, perché nata il 26 ottobre 2000.La ragazza non si è sottratta alle verifiche e ha fornito i nomi dei genitori e altre informazioni utili a ricostruire il suo passato. Di tutto è  stata informata la Procura della Repubblica di Marsala che dovrà decidere se procedere o meno ad effettuare la comparazione del dna.La testimonianzaLa supertestimone e il mistero dei documenti d'identità. Si chiama Grazia Bonanno ed è originaria di Palermo la parrucchiera di Scalea che ha allertato i carabinieri segnalando la presenza di una ragazza di 19 anni che si chiama Denise e vive nella cittadina tirrenica della provincia di Cosenza."Mi ha detto di chiamarsi Denise e di essere italiana" racconta la parrucchiera. "È qui da quattro mesi, dice di non sapere dove è nata. A me ha detto di essere un pò calabrese, un pò di Roma, un pò di Firenze... E mi ha anche confidato che il padre le è morto quando aveva sette anni. Ha i capelli rosa e avrebbe voluto lavorare nel mio salone di bellezza. Quando si è allontanata con la famiglia rom di cui era in compagnia ho chiamato i carabinieri. Non so se è lei: io l'ho pensato osservando i tratti somatici, la cicatrice su una guancia e la fossetta che mi è sembrata uguale a quella del padre di Denise Pipitone. Anche se non dovesse essere Denise mi auguro che si scopra chi è e se ha bisogno di aiuto".La 19enne Denise su cui i carabinieri di Scalea stanno compiendo accertamenti pare fosse in possesso di doppi documenti d'identità, uno rilasciato dalle autorità italiane e l'altro da quelle romene. Chi è davvero questa ragazza?Fonte: Rai News e Gazzetta del sud

Condividi Video
Commenti
Caso Pipitone, si chiama Denise la 20nne di Scalea. La testimone: è qui da quattro mesi, dice di non sapere dove è nata
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.

Ti potrebbero interessare

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
.1
Realizzazione Siti web Caltanissetta