ricerca il tuo profilo
Seguo News
Nuova ondata di truffe online. L'allarme della polizia postale: mail false a nome di istituti bancari
Cronaca
Visite1491

Nuova ondata di truffe online. L'allarme della polizia postale: mail false a nome di istituti bancari

Lo "Sportello dei Diritti": seguite i consigli e cancellate i messaggi. Le banche non mandano mai messaggi per chiedere credenziali e dati bancari

Redazione
24 Maggio 2020 16:50
  • E' bene ricordare che le Banche non inviano MAI email, sms o ti chiamano al telefono per chiedere di fornire le credenziali di accesso all’home banking o all'app, i dati delle carte di credito o la variazione dei dati personali.
  • Se ricevi comunicazioni email, sms o telefonate che ti chiedono di fornire dati bancari chiama immediatamente la Tua Banca e rivolgiti alla Polizia Postale;
  • non aprire gli allegati o i link contenuti nelle e-mail o sms;
Può sembrare assurdo che nonostante gli avvertimenti continui ad evitare di cadere in queste trappole siano ancora in tanti a cascarci, rileva Giovanni D'Agata, presidente dello Sportello dei Dititti. Il modo migliore per difendersi, è quello di seguire le indicazioni della Polizia Postale, di non cliccare ed, anzi, di cancellare immediatamente questi messaggi. Nel dubbio, bisogna consultare direttamente i siti degli istituti bancari presso cui siamo clienti digitando l’esatta indicazione nel browser o di accedere direttamente dalle app ufficiali. 

Una nuova ondata di truffe online del tipo phishing e smishing è in corso in queste ore. In poche parole si tratta di messaggi trasmessi a mezzo email, sms o social network con i quali ignari utenti sono invitati a nome di istituti bancari a fornire proprie credenziali o dati bancari in siti civetta che alla fine li carpiscono e li utilizzano per svuotarci il conto o utilizzare la carta di credito. Ne abbiamo segnalati diversi tipi, e anche questa volta non possiamo non rilanciare la nuova all'allerta della Polizia Postale che con l'ennesimo ma efficace post sulla pagina Facebook del Commissariato comunica una notevole attività truffaldina di questo tipo:

"Sono in atto in queste ore numerose campagne di comunicazione fraudolente a nome di Istituti Bancari con le quali si chiede di inserire i dati bancari in falsi siti internet.

Nella circostanza i criminali informatici attraverso l'invio massivo di sms o email richiedono al destinatario di collegarsi attraverso il link contenuto nel messaggio all'apparente home page dell'Istituto bancario per procedere alla conferma dei propri dati e consentire l'aggiornamento dei sistemi di sicurezza.

ALCUNE SEMPLICI INFORMAZIONI PER NON CADERE IN ERRORE

Può sembrare assurdo che nonostante gli avvertimenti continui ad evitare di cadere in queste trappole siano ancora in tanti a cascarci, rileva Giovanni D'Agata, presidente dello Sportello dei Dititti. Il modo migliore per difendersi, è quello di seguire le indicazioni della Polizia Postale, di non cliccare ed, anzi, di cancellare immediatamente questi messaggi. Nel dubbio, bisogna consultare direttamente i siti degli istituti bancari presso cui siamo clienti digitando l'esatta indicazione nel browser o di accedere direttamente dalle app ufficiali. 

© Riproduzione riservata

Condividi Notizia
Commenti
Nuova ondata di truffe online. L'allarme della polizia postale: mail false a nome di istituti bancari

Ti potrebbero interessare

Articoli simili

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
.1
Realizzazione Siti web Caltanissetta