ricerca il tuo profilo
Seguo News
Maratona a Caltanissetta per salvare bebè nato prematuro. "Ambulanze non idonee al trasporto di termoculla"
Cronaca
Visite1147

Maratona a Caltanissetta per salvare bebè nato prematuro. "Ambulanze non idonee al trasporto di termoculla"

Una "maratona" per salvare un bebè nato prematuramente. Ventotto settimane di vita, per l'esattezza. Una vita appesa ad un filo sottilissimo. Sì, una ...

Redazione
26 Aprile 2015 10:32

Una "maratona" per salvare un bebè nato prematuramente. Ventotto settimane di vita, per l'esattezza. Una vita appesa ad un filo sottilissimo. Sì, una vera odissea considerato che sono trascorse un paio d'ore prima di trasferire il neonato dall'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta all'Unità terapia intensiva neonatale dell'ospedale Umberto I di Enna. Perché, com'è emerso durante le fasi di ricerca di un mezzo di soccorso adeguato per il trasferimento, le ambulanze aziendali del nosocomio nisseno e quelle in dotazione al 118 non sono idonee per trasportare le termoculle. O meglio, in altri casi analoghi le cullette termiche vengono agganciate con delle cinghie piuttosto che fissate con i ganci d'acciaio. Ma il rischio di sbalzi delle termoculle durante i tragitti è elevatissimo e rischiosissimo per i piccoli pazienti. Così, quando il pediatra ha richiesto l'intervento di una ambulanza evidenziando le condizioni critiche del bimbo appena nato, la centrale operativa del 118 s'è tempestivamente mobilitata per rintracciare un mezzo idoneo, ma nessuna delle ambulanze a disposizione dell'ospedale e alla Seus è tecnicamente configurata al trasporto delle incubatrici neonatali. Così gli operatori della sala operativa si sono attivati su altri fronti, pur di reperire in tempi rapidi un adeguato mezzo che avrebbe consentito al bebè di raggiungere l'unità specializzata. Ma l'unica ambulanza attrezzata al trasporto di una termoculla è quella dell'associazione Cuore Amico di Caltanissetta, che però era impegnata per un trasferimento privato a Palermo. Così il tempo trascorreva, e alla fine è stato allertato l'elisoccorso ma s'è atteso il suo rientro da una missione prima di caricare la termoculla a bordo e ripartire verso Enna, dove il velivolo del 118 è atterrato all'elisuperficie di Enna. Soltanto allora il neonato è stato dirottato all'Utin dov'è tuttora sotto costante osservazione dei pediatri.

© Riproduzione riservata

Condividi Notizia
Commenti
Maratona a Caltanissetta per salvare bebè nato prematuro. "Ambulanze non idonee al trasporto di termoculla"

Ti potrebbero interessare

Articoli simili

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
.1
Realizzazione Siti web Caltanissetta