ricerca il tuo profilo
Seguo News
La variante inglese fa sempre più paura in Italia: ecco quali sono i sintomi per riconoscerla
Attualita
Visite1430

La variante inglese fa sempre più paura in Italia: ecco quali sono i sintomi per riconoscerla

Sebbene sia più contagiosa, al momento la variante inglese non sembra "causare sintomi più gravi in nessuna fascia di età - spiega l'Istituto superiore della sanità

Redazione
19 Febbraio 2021 11:21

L'incubo della variante inglese si fa sempre più pressante. Ci si interroga sulla sua diffusione, su quanto sia contagiosa, sui sintomi. E intanto parte in tutta Italia una nuova indagine dell'Istituto superiore di sanità per mappare la diffusione delle varianti del virus SarsCov2. La nuova analisi, su 1.058 campioni che saranno passati ai raggi X, riguarderà tutte e tre le varianti presenti nel nostro Paese: quella inglese, la brasiliana e la sudafricana.

Ma è la variante inglese - identificata con le sigle 20B/501YD1 oppure B.1.1.7 - quella che al momento incute più paura. Secondo gli esperti, infatti, non solo è più contagiosa ma anche più letale.

"La 'variante inglese' - spiega l'Iss - è stata isolata per la prima volta nel settembre 2020 in Gran Bretagna, mentre in Europa il primo caso rilevato risale al 9 novembre 2020. E' monitorata perché ha una trasmissibilità più elevata", ed è stata "ipotizzata anche una maggiore patogenicità, ma al momento non sono emerse evidenze di un effetto negativo sull'efficacia dei vaccini".

I SINTOMI

Sebbene sia più contagiosa, al momento la variante inglese non sembra "causare sintomi più gravi in nessuna fascia di età - spiega l'Istituto superiore della sanità -. La malattia si presenta con le stesse caratteristiche e i sintomi sono gli stessi di tutte le altre varianti del virus. In termini di trasmissibilità la variante 'inglese' manifesta un aumento per tutte le fasce di età, compresi i bambini".

Dunque riconoscerla non è semplice, la diagnosi tra l'altro è affidata a un esame specifico. Ma perchè la si teme così tanto? Lo spiega l'Iss: "Mentre la maggior parte delle mutazioni non ha un impatto significativo - precisa l'Istituto - qualcuna può dare al virus alcune caratteristiche come ad esempio un vantaggio selettivo rispetto alle altre attraverso una maggiore trasmissibilità, una maggiore patogenicità con forme più severe di malattia, o la possibilità di aggirare l'immunità precedentemente acquisita da un individuo o per infezione naturale o per vaccinazione. In questi casi diventano motivo di preoccupazione, e devono essere monitorate con attenzione".

© Riproduzione riservata

Condividi Notizia
Commenti
La variante inglese fa sempre più paura in Italia: ecco quali sono i sintomi per riconoscerla

Ti potrebbero interessare

Articoli simili

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
.1
Realizzazione Siti web Caltanissetta