Seguo News
Istat, l'inflazione sfiora il 12%: mai così alta dal 1984
Attualita
Visite1152

Istat, l'inflazione sfiora il 12%: mai così alta dal 1984

Solo per gli alimentari (+13,5% ad ottobre) un nucleo si ritrova a spendere in media +752 euro su base annua

Redazione
28 Ottobre 2022 18:01

Forte accelerazione dell'inflazione che ad ottobre sfiora il 12%. Secondo le stime preliminari, l'indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registra a ottobre un aumento del 3,5% su base mensile e dell'11,9% su base annua (da +8,9% del mese precedente). Bisogna risalire al marzo 1984 per un tendenziale dell'indice generale NIC pari a +11,9%" commenta l'Istat. "La forte accelerazione si deve soprattutto ai prezzi dei beni energetici (da +44,5% di settembre a +73,2%) e, in misura minore, ai prezzi dei beni alimentari (da +11,4% a +13,1%). Secondo le stime inoltre i prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona passano da +10,9% a +12,7%, e quelli dei prodotti ad alta frequenza d'acquisto da +8,4% a +8,9%. I prezzi dei Beni alimentari (da +11,4% a +13,1%), sia lavorati (da +11,4% a +13,4%) sia non lavorati (da +11,0% a +12,9%). "È necessario risalire a giugno 1983 (quando registrarono una variazione tendenziale del +13,0%) per trovare una crescita dei prezzi del "carrello della spesa", su base annua, superiore a quella di ottobre", commenta l'Istat. 

L'inflazione all'11,9% è disastrosa e determina una stangata record per gli italiani, considerata la totalità dei consumi di una famiglia "tipo", pari a +3.655 euro annui. Solo per gli alimentari (+13,5% ad ottobre) un nucleo si ritrova a spendere in media +752 euro su base annua. Così Codacons preoccupata dei "consumi di Natale" e "per il commercio e l'economia nazionale" che secondo il Codacons il Governo potrebbe aiutare "disponendo subito il taglio dell'Iva sugli alimentari". "Il governo intervenga con provvedimenti rapidi ed efficaci per fermare la corsa dei prezzi di energia e beni alimentari. Serve un grande accordo per una nuova politica dei redditi che salvaguardi salari e pensioni dall'impennata inflattiva. Questa è oggi la priorità". È quanto sottolinea su twitter il segretario generale della Cisl, Luigi Sbarra, a proposito dei dati Istat sull'inflazione.

Le stime Istat sull'inflazione di ottobre "confermano che l'impennata dei prezzi non si ferma e, anzi, diventa a due cifre, come non era avvenuto da quasi quarant'anni. Occorrono misure importanti e occorrono ora",  afferma la vicesegretaria generale della Cgil, Gianna Fracassi, sottolineando che "energetici e alimentari concorrono pesantemente a incrementare prezzi e speculazione". E anche che "la perdita di potere d'acquisto nel 2022 sarebbe di oltre 1.800 euro. È come se lavoratrici e lavoratori dipendenti non ricevessero la tredicesima. Una situazione ancor più grave per pensionati, precari, giovani autonomi, disoccupati". 

"La netta accelerazione registrata ad ottobre dall'inflazione, superiore alle nostre stime (9,8%), rappresenta indubbiamente uno shock per il nostro sistema. In un solo mese si è, infatti, registrata una variazione dei prezzi (+3,5%) analoga a quella rilevata complessivamente tra il 2017 ed il 2021. Le tensioni, che hanno portato a tassi di crescita dei prezzi eccezionali nel comparto energetico, si stanno diffondendo ormai a tutti i settori, principalmente beni di largo consumo". Così l'Ufficio Studi di Confcommercio commentandole stime preliminari di Istat sull'inflazione di ottobre.

"Questa situazione non è, purtroppo, destinata a registrare modifiche sostanziali nel breve periodo, anche alla luce degli aumenti che si stanno rilevando nelle fasi antecedenti il consumo con i prezzi alla produzione che, a settembre, segnalano un +41,8% su base annua" afferma l'Ufficio Studi di Confcommercio. "In questo contesto - prosegue la nota - le famiglie hanno sempre maggiori difficoltà a mantenere l'attuale mix di consumi, essendo costrette a spostare una quota sempre più rilevante del proprio reddito, in riduzione in termini reali, verso le spese di base (energia, alimentazione, ecc). Alla luce di questa situazione, che potrebbe determinare un netto stop al recupero della domanda per consumi da parte delle famiglie, i timori di una recessione prolungata, che vada oltre il periodo a cavallo tra la fine del 2022 e l'inizio del 2023, si fanno sempre più concreti. E' opportuno ricordare - conclude Confcommercio - che dall'inizio del 2023 si potrà osservare una riduzione dei costi dell'energia, almeno temporanea, con qualche beneficio sulla dinamica dei prezzi al consumo." (ANSA)

© Riproduzione riservata

Condividi Notizia
Commenti
Istat, l'inflazione sfiora il 12%: mai così alta dal 1984

Ti potrebbero interessare

Articoli simili

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
.1
Realizzazione Siti web Caltanissetta