ricerca il tuo profilo
Seguo News
A+
A
A-
Hiv, a Caltanissetta 130 pazienti seguiti: molti sono virosoppressi e quindi non contagiosi
Salute
Visite2208

Hiv, a Caltanissetta 130 pazienti seguiti: molti sono virosoppressi e quindi non contagiosi

Ieri Giornata mondiale della lotta contro l'Aids, il primario Giovanni Mazzola: "Educazione alla salute e prevenzione restano armi fondamentali"

Rita Cinardi
02 Dicembre 2021 10:01

"Sono 130 i pazienti con Hiv in trattamento all'Asp di Caltanissetta, provenienti anche dal territorio di Agrigento, gran parte dei quali sono virosoppressi, cioè la carica virale è azzerata. Nessuno di loro ha Aids conclamato. I pazienti virosoppressi non sono contagiosi e, grazie ai farmaci utilizzati, la loro qualità e aspettativa di vita è uguale a quella di un normale cittadino". A fornire il dato è l'infettivologa dell'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta, Maurizia Lomonaco, al termine della Giornata mondiale della lotta contro l'Aids che ha visto a Caltanissetta Asp e istituzioni impegnate in una campagna di sensibilizzazione nei confronti degli studenti delle quinte classi delle scuole superiori. "La fascia di età prevalente dei pazienti con Hiv - spiega la dottoressa Lomonaco - è quella dei cinquantenni. Alcuni di loro fanno terapia anche da più di 30 anni. Per lo più appartengono a fascia sociale media. Seguiamo anche diversi pazienti extracomunitari".

Diversi studenti ieri si sono sottoposti allo screening gratuito per Hiv grazie all'iniziativa dell'Asp di Caltanissetta promossa dall'Assessorato alla Salute e organizzata in provincia dal direttore dell'Unità operativa complessa di Malattie Infettive Giovanni Mazzola. "La giornata mondiale dell'AIDS, che ricorre il primo dicembre di ogni anno - ha detto il primario Giovanni Mazzola - rappresenta la memoria di una pandemia che ha stroncato milioni di giovani vite, ma rappresenta anche il momento di non abbassare la guardia su una malattia causata da un virus non ancora sconfitto. L'Hiv è un'infezione che si trasmette prevalentemente per via sessuale ma anche attraverso le siringhe infette, e tatuaggi effettuati in assenza di sterilità, per cui l'educazione alla salute e l'attenzione ai comportamenti vanno sempre ricordati, soprattutto ai giovani e giovanissimi  che per loro fortuna non hanno vissuto i tempi più tragici. Oggi contro l'Hiv esistono cure efficaci ma non definitive e non esiste ancora un vaccino eradicante per cui la prevenzione rimane l'unica arma a disposizione per contenere i contagi di questa insidiosa malattia".

© Riproduzione riservata

Condividi Notizia
Commenti
Hiv, a Caltanissetta 130 pazienti seguiti: molti sono virosoppressi e quindi non contagiosi

Ti potrebbero interessare

Articoli simili

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
.1
Realizzazione Siti web Caltanissetta