ricerca il tuo profilo
Seguo News
A+
A
A-
"Gela tra omertà e illegalità diffusa", Asaro: "Indagini della Procura a 360 gradi"
Cronaca
Visite628

"Gela tra omertà e illegalità diffusa", Asaro: "Indagini della Procura a 360 gradi"

La procura ha pubblicato sul proprio sito istituzionale il "Bilancio di Responsabilità sociale anno 2021"

Donata Calabrese
05 Maggio 2022 10:12

"Gela non è una città in cui operano solo spacciatori e incendiari, ma vi sono anche enti pubblici, liberi professionisti ed un tessuto imprenditoriale che merita un'attenzione investigativa a 360 gradi che va ad incidere sulla diffusa illegalità e omertà che c'è sul territorio anche per la presenza di ataviche questioni sociali, economiche e industriali irrisolte. Siamo di fronte ad una piccola Procura che deve avere anche queste attenzioni, nonostante l'esiguo numero di magistrati e personale amministrativo". E' quanto ha affermato il procuratore di Gela Fernando Asaro, commentando il "Bilancio di Responsabilità sociale anno 2021" della Procura di Gela  pubblicato sul sito istituzionale. La Procura ha scattato una fotografia sul territorio dalla quale emerge un quadro drammatico. Vi sono settori in cui il denaro o i beni pubblici sono stati gestiti illecitamente provocando arricchimento ed evasione fiscali che hanno causato un incremento sia dei reati fallimentari che in materia fiscale oltre che reati di criminalità economica. Sono inoltre cresciuti i reati contro la pubblica amministrazione per "incapacità ed inerzia a svolgere in modo trasparente funzioni di amministrazioni pubbliche da parte degli organi a ciò deputati".

Si è registrato un "significativo aumento di iscrizioni per reati ambientali dovuto alla presenza della Raffineria ed una diffusa disattenzione negli anni passati da parte degli organi preposti al controllo degli impianti presenti nel territorio. Si tratta di indagini particolarmente complesse anche per l'elevato tecnicismo dei dati". Si registra sia a Gela che a Niscemi "una fiorente ed effervescente attività di spaccio di sostanze stupefacenti, vi sono frequenti e gravi episodi di atti di violenza, minacce, intimidazione - anche con uso di armi - tra persone appartenenti a nuclei familiari contrapposti o a bande rivali che gareggiano per conquistare spazi di 'prestigio' criminale e territori da controllare. Preoccupa anche la presenza e la diffusione di armi e munizioni indice di una spiccata pericolosità del tessuto sociale. Sono aumentati i conflitti e le violenze in ambito familiare così come preoccupano le forme criminali, riconducibili in gran parte all'area giovanile, segnate da aggressioni, premeditate e violente, di natura ritorsiva volte ad imporre la presenza o il predominio in determinati ambiti o luoghi". In aumento il numero di procedimenti sopravvenuti, passati da 5304 del 2016 a 6141. Nell'ultimo decennio il pieno organico dei magistrati si è avuto solo per circa sei anni, mentre ad oggi la scopertura della pianta organica del personale amministrativo è pari al 27%.

© Riproduzione riservata

Condividi Notizia
Commenti
"Gela tra omertà e illegalità diffusa", Asaro: "Indagini della Procura a 360 gradi"

Ti potrebbero interessare

Articoli simili

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
.1
Realizzazione Siti web Caltanissetta