ricerca il tuo profilo
Seguo News
Gela, chiesto rinvio a giudizio di un imprenditore per l'esplosione al mercato settimanale in cui morirono 2 persone
Cronaca
Visite875

Gela, chiesto rinvio a giudizio di un imprenditore per l'esplosione al mercato settimanale in cui morirono 2 persone

Altre 13 persone riportarono gravi lesioni e ustioni. Le indagini della Polizia di Stato hanno consentito una completa ricostruzione dei fatti

Redazione
04 Maggio 2022 15:59

La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Gela a seguito delle indagini preliminari, condotte dalla sezione investigativa del Commissariato di Pubblica Sicurezza, ha chiesto il rinvio a giudizio dell'imprenditore 48enne C.C., con licenza di commercio al dettaglio ambulante di prodotti alimentari e bevande, svolta all'interno del mercato settimanale di via Madonna del Rosario in Gela, nonché della società Sicilpetroli s.r.l., in seguito ai gravi fatti verificatisi il 5 giugno 2019, quando, secondo la ricostruzione accusatoria, a causa di negligenza e imprudenza nella conduzione dell'impresa individuale ed in considerazione di innumerevoli violazioni di leggi e regolamenti, si verificò una potente esplosione, cui seguì un incendio di un furgone, di altri veicoli e di alcune strutture per il commercio ambulante. In seguito alla deflagrazione ed in conseguenza delle ustioni riportate, 2 persone persero la vita, mentre altre 13 riportarono gravi lesioni ed ustioni.

In particolare, il predetto ambulante, in concorso con personale della stazione di rifornimento carburanti Sicilpetroli S.r.l. con sede a Canicattì, è imputato di avere effettuato il rifornimento di alcune bombole di gas GPL in spregio del divieto di riempirle attraverso il carburante GPL per autotrazione. Nel corso delle indagini, svolte con l'ausilio tecnico dei Vigili del Fuoco e personale del Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro, si è ipotizzato che tali operazioni siano avvenute in violazione del divieto di riempire le bombole di gas GPL oltre il previsto limite massimo dell'80% della capienza, circostanza questa che indubbiamente ha favorito il verificarsi della violenta esplosione.

Tra i reati contestati dalla Procura della Repubblica di Gela, ora sottoposti alla valutazione del Giudice, figurano le ipotesi di omicidio colposo aggravato, incendio e lesioni gravi, di cui dovrà rispondere C.C.; alla persona giuridica Sicilipetroli s.r.l. è stato contestato l'illecito amministrativo previsto dal d.lgs 231/2001 in materia di responsabilità degli enti. Sono state rilevate, altresì, molteplici violazioni di fattispecie contravvenzionali, tutte relative alla normativa di settore relativa alla sicurezza dei lavoratori e salubrità dei luoghi di lavoro, così come previsto dal D.lgs. 81/2008.

Lo stretto ed efficace raccordo avviatosi immediatamente dopo la violenta esplosione tra Autorità Giudiziaria e Forze di Polizia intervenute, nonché il coordinamento espresso nel corso delle indagini avviate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Gela e condotte dal Commissariato di Pubblica Sicurezza, hanno consentito una completa ricostruzione dei fatti e la formulazione degli addebiti, adesso al vaglio del Giudice dell'Udienza Preliminare.

© Riproduzione riservata

Condividi Notizia
Commenti
Gela, chiesto rinvio a giudizio di un imprenditore per l'esplosione al mercato settimanale in cui morirono 2 persone

Ti potrebbero interessare

Articoli simili

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
.1
Realizzazione Siti web Caltanissetta