ricerca il tuo profilo
Seguo News
Errori giudiziari e privacy: approvato diritto all'oblio sul web con la riforma del processo penale
Attualita
Visite705

Errori giudiziari e privacy: approvato diritto all'oblio sul web con la riforma del processo penale

 Via le notizie negative e pregiudizievoli alla privacy da Google e dai siti internet

Redazione
26 Settembre 2021 11:56

L'avvio di un'indagine penale è notizia ghiotta per i giornali che, alla ricerca continua di scandali con cui intrattenere i propri lettori, sono ormai soliti lasciare ampio spazio alla cronaca giudiziaria. Spesso però l'informazione non tiene conto del limite costituzionale che presume ogni cittadino innocente fino a sentenza definitiva. Peraltro la sola notizia dell'invio di un avviso di garanzia genera nell'opinione pubblica la convinzione della colpevolezza dell'indagato. Indagato che, anche a indagini concluse ed addirittura anche dopo l'eventuale assoluzione, resta marchiato da un'onta sociale. Tutto ciò ovviamente, quando si parla di internet, si moltiplica all'ennesima potenza, sia in termini di rapidità nella diffusione dell'informazione, sia in termini di capillarità. Non solo.

Esiste un principio, chiamato «diritto all'oblio», che impone la non riproposizione di fatti ormai non più attuali, anche laddove la notizia dovesse essere vera, ormai recepito dal Governo delegato che prevede che i nomi degli innocenti scompaiono da Google grazie alla riforma del processo penale. Si può ordinare al motore di ricerca di far scomparire dai risultati della query un articolo pubblicato sul web che pure è d'interesse generale ma lede la riservatezza di una persona che non riveste la qualità di personaggio pubblico, noto a livello nazionale. Il tutto perché un accesso agevolato e protratto nel tempo ai dati personali dell'interessato, grazie a semplici parole chiave, finisce per attribuire al soggetto una «biografia telematica» diversa da quella reale, perché costituita da notizie ormai superate.

La norma, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti", è stata inserita nella delega sul processo penale durante l'esame in commissione alla Camera, con un emendamento riformulato di Azione. Un tema rimasto sullo sfondo del dibattito, egemonizzato dalla questione dell'improcedibilità in appello. Ma riemerso durante la discussione a Palazzo Madama. Ciò significa che finalmente non si ha più la possibilità di andare a ricercare, digitando un nome, il passato di una persona. Come nel caso di persone che, per ipotesi, hanno superato una certa fase della vita, dopo la quale si sono comportate bene, sono diventate persone diverse.

© Riproduzione riservata

Condividi Notizia
Commenti
Errori giudiziari e privacy: approvato diritto all'oblio sul web con la riforma del processo penale

Ti potrebbero interessare

Articoli simili

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
.1
Realizzazione Siti web Caltanissetta