ricerca il tuo profilo
Seguo News
Emergenza incendi: 8 associazioni presentano un esposto alle Procure di Caltanissetta e Gela
Cronaca
Visite1403

Emergenza incendi: 8 associazioni presentano un esposto alle Procure di Caltanissetta e Gela

"Accertare le responsabilità istituzionali di Autorità e Organi che avrebbero dovuto prendere provvedimenti e iniziative per prevenire e scongiurare questa emergenza". Chiesta l’applicazione della L. 68/2015 su disastri ambientali.

Redazione
23 Luglio 2021 09:19

Otto fra associazioni, gruppi e singoli ambientalisti hanno presentato un esposto-denuncia ai Procuratori della Repubblica di Caltanissetta e di Gela in merito alle attività di prevenzione e contrasto degli incendi boschivi nel territorio provinciale. L'esposto - sottoscritto da Salvatore Nocera del Coordinamento regionale "SalviAmo i Boschi", Ennio Bonfanti del WWF Sicilia Centrale, Francesca Maria Lapis dell'Associazione "Il sogno di un uomo ridicolo", Pietro Amico dell'Ass. "Pupi di Surfaro", Giancarlo Ania del Movimento NO-MUOS, Giovanni Balbo, Guida Naturalistica FederEscursionismo Sicilia, Fabio Bonsignore dell'Ass. "Straula" e della Pagina Facebook "Il Seme di Chico" e Debora Falzolgher del CEA Centro di Educazione Ambientale di Niscemi - trae origine dalla gravissima situazione degli incendi che hanno colpito la provincia sin dal mese di maggio 2021: 11-12/5 fuoco appiccato alla Riserva "Biviere di Gela"; 24/06 incendio boschivo in località Disueri (Mazzarino); 24/06 Borgo Stizza (Niscemi); 11/07 Monte San Giliuano (Caltanissetta).

Incendi che in provincia di Caltanissetta, come in tutta la Sicilia, hanno bruciato migliaia di ettari di aree boschive e, quel che è più grave, aree protette, Siti "Natura 2000", Riserve e Parchi regionali. "Incendi, a detta delle forze di controllo preposte, quasi sempre dolosi, spesso appiccati da mani criminali esperte, in ore serali o notturne e in rapida successione così da impedire efficaci azioni di spegnimento. Incendi - sottolineano gli esponenti nella loro denuncia - che distruggono un patrimonio naturalistico di alberi e fauna, che sottraggono ambienti pregiati e benessere alle comunità, che distruggono preziose aree agricole e che minacciano le case di civile abitazione con pericolo di vita per gli abitanti. E, considerando il riscaldamento globale ormai accertato dalla comunità scientifica, tali incendi contribuiscono ad aumentare la quantità di CO2 in circolo con le conseguenze negative note".

Nell'esposto si evidenziano numerose e gravi inadempienze e ritardi nelle azioni preventive: "in particolare la campagna di prevenzione agli incendi 2021 è partita in forte ritardo nonostante i ripetuti appelli ad anticipare la stagione da parte delle Associazioni ambientaliste e nonostante i primi incendi fossero già stati avvistati nel mese di marzo; nella maggior parte dei territori i viali parafuoco non sono stati a tutt'oggi realizzati a causa del ritardo nell'approvazione in bilancio dei fondi per la retribuzione degli addetti. Ciò rende più pericolose le operazioni di spegnimento da terra e favorisce il propagarsi degli incendi".


Per questo i sottoscrittori dell'esposto ritengono "necessario accertare se e come le Autorità ed Organi competenti abbiano attuato - in maniera completa ed efficace - tutte le azioni ed attività loro demandate per legge. In particolare, si evidenzia che sul territorio provinciale è palesemente riscontrabile da chiunque l'assenza di scerbatura dei bordi stradali di competenze dei gestori delle strade stesse (Comune, Libero Consorzio, ANAS, Privati ecc.)".

"Risultano platealmente disattese anche le prescrizioni contenute nel Decreto del Presidente della Regione Siciliana 4 giugno 2008 recante "Direttive per la redazione dei regolamenti comunali in materia di fuochi controllati in agricoltura" - si legge nel documento inoltrato alle Procure - al cui rispetto e vigilanza sono demandati i Sindaci": si tratta dell'obbligo per tutti i proprietari e conduttori di fondi lungo tutte le strade di tenere puliti i terreni almeno per una fascia di 20 metri dalla scarpata e/o banchina; "nei terreni coltivati a seminativo è fatto obbligo di realizzare una fascia avente ampiezza non inferiore a mt. 10 in cui non siano presenti stoppie, cespugli o altro materiale infiammabile. Tale fascia dovrà essere realizzata lungo l'intero perimetro del fondo, mediante aratura". Anche le similari prescrizioni contenute nelle ordinanze sindacali emesse da ogni Comune risultano gravemente inattuate, senza che ciò sembri sortire alcuna reazione da parte degli Organi di vigilanza.

L'esposto si conclude con la richiesta ai "Procuratori della Repubblica aditi di perseguire i responsabili degli eventuali fatti penalmente rilevanti che si dovessero ravvisare nell'esposizione dei fatti", auspicando che le indagini non si limitino all'individuazione dei criminali responsabili diretti degli incendi, "ma anche di tutti coloro che, pur avendone le responsabilità istituzionali, non hanno attivato le misure preventive che ne avrebbero certamente limitato i danni, accertando - anche ai sensi e per gli effetti della L. 68/2015 su disastri ambientali - quali Autorità e Organi avrebbero dovuto prendere provvedimenti e iniziative per prevenire e scongiurare questa situazione che, di ora in ora, rischia di peggiorare".

© Riproduzione riservata

Condividi Notizia
Commenti
Emergenza incendi: 8 associazioni presentano un esposto alle Procure di Caltanissetta e Gela

Ti potrebbero interessare

Articoli simili

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
.1
Realizzazione Siti web Caltanissetta