ricerca il tuo profilo
Seguo News
Divieto di spostamenti a livello provinciale piuttosto che comunale: il Dpcm del 3 dicembre potrebbe cambiare
Attualita
Visite1982

Divieto di spostamenti a livello provinciale piuttosto che comunale: il Dpcm del 3 dicembre potrebbe cambiare

È la modifica che potrebbe essere introdotta per i giorni di Natale, Santo Stefano e Capodanno

Redazione
08 Dicembre 2020 16:47

Divieto di spostamenti a livello provinciale piuttosto che comunale. È la modifica che potrebbe essere introdotta per i giorni di Natale, Santo Stefano e Capodanno. Dietro ci sono le pressioni di alcuni partiti politici, di presidenti di regione (come quello del Piemonte) e di alcune comunità.

Soprattutto i comuni più piccoli, infatti, si sentono discriminati rispetto alle grandi città. Un esempio? Roma: da un estremo all'altro ci sono circa venti chilometri, mentre alcune cittadine distano molto meno.

Ma le pressioni arrivano anche dal mondo produttivo. A intervenire sulla misura contenuta nel Dpcm di Natale, è oggi Cia-Agricoltori Italiani che, preoccupata per la tenuta delle strutture agrituristiche, pone l'interrogativo: "Aperti per chi?": il divieto agli spostamenti tra i Comuni di tutta Italia nelle giornate del 25 e 26 dicembre e del 1° gennaio 2021, è l'ennesima scure sul settore agrituristico e arriva a vanificare l'unica fonte di guadagno rimasta entro fine anno, come anche una delle poche occasioni di condivisione in sicurezza, il pranzo delle festività natalizie e di Capodanno fuori casa e negli agriturismi.

Intanto il Viminale ha già pronto un piano per arginare il rischio di caos e mancato rispetto delle norme del Dpcm di Natale. Il capo della Polizia, Franco Gabrielli, in una circolare inviata ai questori ha chiesto "servizi mirati" lungo le principali strade italiane e nei nodi delle reti di trasporto invitando a prestare la "massima attenzione" nella predisposizione dei servizi.

"Le attività in argomento, che dovranno prevedere aliquote della polizia locale - scrive Gabrielli - dovranno essere più pregnanti dal 21 dicembre al 6 gennaio nonché nelle giornate del 25 e 26 dicembre e del 1 gennaio" viste le "particolari limitazioni degli spostamenti tra regioni e comuni".

Per il momento chi verrà trovato al di fuori del proprio Comune, ai sensi del decreto legge 25 marzo 2020, rischia una multa dai 400 fino ai 1.000 euro.

Condividi Notizia
Commenti
Divieto di spostamenti a livello provinciale piuttosto che comunale: il Dpcm del 3 dicembre potrebbe cambiare

Ti potrebbero interessare

Articoli simili

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
.1
Realizzazione Siti web Caltanissetta