ricerca il tuo profilo
Seguo News
A+
A
A-
Covid, il Governo lavora per riaprire le scuole: il 9 dicembre gli studenti potrebbero tornare a far lezione in presenza
Attualita
visite773

Covid, il Governo lavora per riaprire le scuole: il 9 dicembre gli studenti potrebbero tornare a far lezione in presenza

Il premier Giuseppe Conte non ha escluso la possibilità di riaprire tutti gli istituti a dicembre e il 9 dicembre sarebbe la prima data utile

Redazione
25 Novembre 2020 11:52

Un accordo a livello europeo per uniformare le misure restrittive che scatteranno con le vacanze di Natale e Capodanno, il tentativo di riaprire le scuole coinvolgendo i sindaci delle grandi città prima di Natale nella prima data utile e l’ulteriore stretta sugli spostamenti tra il 24 dicembre e il 6 gennaio, con il divieto di feste e appuntamenti di piazza, cenone a numero chiuso - con forse 6, massimo 8 persone - coprifuoco per tutto il periodo e valido anche per le messe, con una possibile deroga per la sera della Vigilia che si valuterà nei prossimi giorni.Il governo lavora su più fronti per far sì che gli interventi che saranno decisi con il prossimo Dpcm consentano di evitare gli errori fatti in estate e non siano vanificati dalle scelte degli altri paesi, in particolare quelle relative allo sci visto che il governo ha ribadito il no alla riapertura degli impianti e una decisione in senso contrario da parte di altre nazioni rappresenterebbe un ulteriore colpo ad un’economia già al tappeto.
In attesa di capire se si arriverà davvero a qualcosa di concreto, il governo continua a lavorare sul nuovo Dpcm, con due obiettivi: far respirare l’economia nelle settimane che precedono il Natale ed evitare spostamenti di massa nei giorni delle feste vere e proprie. C'è poi una parte del governo, la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina in testa con l’appoggio di Conte, che vorrebbe consentire ai ragazzi di tornare a scuola in presenza già prima di Natale. Forte dell’appoggio degli scienziati: anche dagli ultimi dati a disposizione la scuola, dice il presidente del Consiglio superiore di Sanità Franco Locatelli, contribuisce «in modo assolutamente marginale alla curva di trasmissione» del virus. Per questo il ministro ha convocato i sindaci delle dieci città metropolitane, che da sole rappresentano un terzo della popolazione italiana, 21 milioni di persone. Secondo quanto si è appreso l'obiettivo è riportare tutti gli studenti a scuola in presenza il 9 dicembre: questa è l’ipotesi per la quale sarebbero in pressing il M5s e Iv. Il tema potrebbe essere affrontato nel vertice dei capi delegazione in programma per questo mercoledì. Il premier Giuseppe Conte non ha escluso la possibilità di riaprire tutti gli istituti a dicembre e non è un mistero che la ministra Lucia Azzolina spinga in questa direzione: il 9 dicembre sarebbe la prima data utile. Ma il confronto nel governo è in corso e i ministri più prudenti non escludono che il via libera arrivi solo a gennaio: tutto dipenderà dall’evoluzione della curva nelle prossime settimane. 
L’obiettivo è insomma «fare squadra» per riportare i ragazzi in aula e affrontare insieme il problema principale che ha costretto alla chiusura delle scuole, quello del trasporto pubblico. Per la prima volta ha aperto alla possibilità anche il ministro della Salute Roberto Speranza. "Faremo il possibile per riaprire in dicembre. La scuola è e resta una priorità».
Quanto agli spostamenti, nulla si deciderà prima del 3 dicembre e, anzi, è probabile che i provvedimenti per il periodo tra Natale e Capodanno arrivino con un secondo Dpcm a ridosso della vigilia. Ma la linea prevalente è quella dell’area rigorista del governo, supportata da tecnici e scienziati: evitare che ci si possa spostare liberamente tra le Regioni. Dunque maggiori vincoli anche per quelle in zona gialla. "Bisogna evitare gli spostamenti non strettamente necessari, ridurre il più possibile le relazioni con le altre persone se queste non sono indispensabili e restare a casa ogni volta che è possibile» ripete il ministro della Salute Roberto Speranza.
 

Il sindaco più virtuoso d'Italia è a Troina: Fabio Venezia ha battuto anche i suoi colleghi del Nord
News Successiva
Rifiuti, bando della Regione per bonificare in Sicilia le aree inquinate: stanziati 16,6 milioni di euro
Seguici su
Google News
Resta sempre aggiornato
con le notizie di Seguonews
Commenti
Covid, il Governo lavora per riaprire le scuole: il 9 dicembre gli studenti potrebbero tornare a far lezione in presenza
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.

Ti potrebbero interessare

Articoli simili

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
.1
Realizzazione Siti web Caltanissetta