Seguo News
Coronavirus, per la prima volta giù il dato dei malati in Italia. In Sicilia previsti zero contagi per il 30 aprile
Cronaca
Visite2612

Coronavirus, per la prima volta giù il dato dei malati in Italia. In Sicilia previsti zero contagi per il 30 aprile

Il numero dei ricoverati in terapia intensiva scende di 62 unità, mentre quello dei ricoverati in altri reparti scende di 127. Decedute altre 454 persone

Redazione
20 Aprile 2020 20:54

Dati protezione civile aggiornati alle ore 18. In Italia per la prima volta il dato dei nuovi malati è in negativo.

 

 

-Attualmente positivi 108.237 (-20)

 

-Morti 24.114 (+454)


-Dimessi/Guariti 48.877 (+1.822)


-Casi totali da inizio epidemia 181.228 (+2.256)

 

Il numero dei ricoverati in terapia intensiva scende di 62 unità, mentre quello dei ricoverati in altri reparti scende di 127. Solo un parametro non va nella direzione che vorremmo che è quello dei deceduti ma gli epidemiologi hanno già detto che sarà l'ultimo dato che subirà una diminuzione.

 

Prosegue il trend in calo dei ricoveri in terapia intensiva per coronavirus. Ad oggi sono 2.573, 62 in meno rispetto a ieri. Di questi, 901 sono in Lombardia, 21 in meno rispetto a ieri. Dei 108.237 malati complessivi, 24.906 sono ricoverati con sintomi, 127 in più rispetto a ieri e 80.758 sono quelli in isolamento domiciliare.

Sono salite a 24.114 le vittime dopo aver contratto il coronavirus in Italia, con un aumento rispetto a ieri di 454. Ieri l'aumento era stato di 433.
Sono 48.877 le persone guarite in Italia dopo aver contratto il coronavirus, 1.822 più di ieri. Il dato è stato reso noto dalla Protezione civile. Ieri l'aumento dei guariti era stato di 2.128.

In Lombardia frenano i contagi da Coronavirus con 737 casi in più di ieri per un totale di 66.971 positivi. Cala anche in numero di decessi in un giorno (comunque 163) per un totale di 12.376 deceduti. Sono poi diminuiti anche i ricoveri: in terapia intensiva sono 901 (-21) e negli altri reparti Covid 10.138 (-204). Sono invece stati 6.331 i tamponi, per un totale ad ora di 270.486.
"Stiamo vedendo i risultati del'impegno dei lombardi, dei comportamenti individuali che ci consentono di controllare la diffusione del virus". E' il commento dell'assessore al Bilancio di Regione Lombardia Davide Caparini ai dati da lui resi noti dell'emergenza coronavirus in regione.

Lombardia e Marche ultime per casi zero - Prime Basilicata e Umbria, a fine aprile, ultime Lombardia e Marche, a fine giugno. In Toscana e Emilia-Romagna non prima della fine di maggio. Nelle altre Regioni l'azzeramento dei contagi potrebbe avvenire già tra la terza settimana di aprile e la prima settimana di maggio. Nel Lazio dopo il 12 maggio. Queste le date entro le quali sarà possibile attendersi zero nuovi contagi da coronavirus, secondo la mappa fornita dall'Osservatorio nazionale sulla salute nelle regioni italiane, coordinato da Walter Ricciardi.

Le ultime sarebbero le Regioni del Centro-Nord nella quali il contagio è iniziato prima: in Lombardia, in cui si è verificato il primo contagio, non c'è da attendersi l'azzeramento dei nuovi casi prima del 28 giugno, nelle Marche non prima del 27 giugno, poiché per entrambe le Regioni il trend in diminuzione è particolarmente lento. La Provincia Autonoma di Bolzano dovrebbe avvicinarsi all'azzeramento dei contagi a partire dal 28 maggio, nonostante il numero di contagi osservati sia basso in valore assoluto, infatti, vede un trend dei nuovi casi scendere con particolare lentezza. Nella Regione Lazio dovremmo aspettare almeno il 12 maggio; in Veneto e Piemonte il 21 maggio.

Nelle regioni del Sud Italia l'azzeramento dei nuovi contagi dovrebbe iniziare tra la fine del mese di aprile e l'inizio di maggio: ad esempio Sardegna e Sicilia rispettivamente 29 e 30 aprile; Calabria primo maggio; Puglia e Abruzzo il 7 maggio; Campania il 9 maggio.

    I modelli statistici approssimano l'andamento dei nuovi casi osservati nel tempo e tengono conto dei provvedimenti di lockdown introdotti dai DPCM. Pertanto, mettono in guardia gli autori, "eventuali misure di allentamento renderebbero le proiezioni non più verosimili". Le proiezioni, concludono gli esperti, "evidenziano che l'epidemia si sta riducendo con estrema lentezza, pertanto questi dati suggeriscono che il passaggio alla Fase 2 dovrebbe avvenire in maniera graduale e con tempi diversi da Regione a Regione". Una eccessiva anticipazione della fine del lockdown, con molta probabilità, potrebbe "riportare indietro le lancette della pandemia e vanificare gli sforzi e i sacrifici sin ora effettuati". (ANSA)

© Riproduzione riservata

Condividi Notizia
Commenti
Coronavirus, per la prima volta giù il dato dei malati in Italia. In Sicilia previsti zero contagi per il 30 aprile

Ti potrebbero interessare

Articoli simili

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
.1
Realizzazione Siti web Caltanissetta