ricerca il tuo profilo
Seguo News
A+
A
A-
Coronavirus, contagi in aumento a Gela: Cisl chiede all'Asp la riapertura di Malattie Infettive
Attualita
visite933

Coronavirus, contagi in aumento a Gela: Cisl chiede all'Asp la riapertura di Malattie Infettive

Il sindacato si rivolge al manager dell'Asp perchè non è possibile assistere alla deportazione dei malati gelesi

Redazione
16 Ottobre 2020 16:01

Il Segretario Comunale della Cisl di Gela, assieme al Segretario Territoriale della CISL FP di AG-CL- EN, si sono riuniti per effettuare una disamina della situazione dei servizi sanitari e ospedalieri in epoca d’emergenza da Covid-19, stante l’attuale recrudescenza del picco pandemico. In questo momento storico dove l’umanità combatte il Covid-19, un virus mai conosciuto prima, che ha già causato circa 37.000 vittime in Italia e di cui quasi 300 in Sicilia, chiedono, come si sta preparando la sanità territoriale per affrontare questa seconda ondata di contagi che ci vede tra quelle Regione con il più alto numero di contagi e come territorio di Gela, come uno di quelli con il più alto indice di contagiati, dove si contano già decine e decine di casi e le prospettive sono che, tale numero possa ancora incrementarsi. Ci si chiede, cosa si aspetta a riaprire il reparto di malattie infettive anziché assistere alla deportazione dei nostri malati e del loro diritto alla salute presso altri lidi, con lievitazione della migrazione passiva? Per questo vorremmo chiedere al Management dell’ASP ed al Sindaco di Gela, quale Autorità in ambito Sanitario come si stia organizzando l’Ente, cosi come la medicina territoriale, ad affrontare tale emergenza, che a differenza del periodo di loockdown dove il nostro territorio e stato appena sfiorato dal problema contagi, oggi siamo chiamati in prima linea. Mentre a Gela si assiste ad un progressivo smantellamento della sanita pubblica con la chiusura di Reparti fondamentali garantire la prevenzione e la salute dei cittadini. Abbiamo contezza della costituzione dell’Osservatorio permanente sulla Sanità e si chiede una immediata convocazione per discutere e capire quale sia la offerta sanitaria nel territorio Nisseno e in particolare in quello di Gela con la urgenza del caso vista l’attuale recrudescenza della pandemia. I pazienti gelesi sono costretti a lunghe liste d’attesa, anche oltre un anno per le prestazioni specialistiche richieste, in alternativa per accorciare i tempi devono emigrare in altre provincie oppure ottenerle in INTRAMENIA entro pochissimi giorni. La direttiva regionale pone come obbiettivo principale la riduzione delle liste d’attesa per prestazioni specialistiche, tale obiettivo è stato raggiunto? Quanti sono le rette negative provenienti da ASP fuori provincia per l’emigrazione di pazienti fuori provincia?

Leandro Janni, Italia Nostra: "Le opere di Sillitti e Foresta generano inquietudine"
News Successiva
Coronavirus, il Cts: "Norme ancora più stringenti. Speranza frena: "Nessuna nuova misura per ora"
Seguici su
Google News
Resta sempre aggiornato
con le notizie di Seguonews
Commenti
Coronavirus, contagi in aumento a Gela: Cisl chiede all'Asp la riapertura di Malattie Infettive
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.

Ti potrebbero interessare

Articoli simili

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
.1
Realizzazione Siti web Caltanissetta