ricerca il tuo profilo
Seguo News
A+
A
A-
Congresso Fadoi a Caltanissetta. Quando l'iponatriemia può mimare un ictus, il dottore Burgio spiega l'importanza degli elettroliti
Salute
Visite2157

Congresso Fadoi a Caltanissetta. Quando l'iponatriemia può mimare un ictus, il dottore Burgio spiega l'importanza degli elettroliti

"E' fondamentale - spiega il medico internista Antonio Burgio - che un medico sappia riconoscere e curare gli squilibri idroelettrolitici"

Rita Cinardi
13 Novembre 2021 08:01

"Gli equilibri in medicina interna sono fondamentali. Il nostro organismo è perfetto e gli equilibri spesso vengono alterati o da patologie o da terapie inadeguate.  Quando io parlo di equilibrio parlo di quello idroelettrolitico, osmolare, volemico e anche acido-base. Sono argomenti difficili che però un medico deve conoscere". Ad affrontare i temi degli elettroliti e in particolare della carenza di sodio il medico internista Antonio Burgio intervenuto come relatore al congresso  "L'internista del terzo millennio: tra complessità e innovazione", organizzato dal presidente regionale della Fadoi, il medico internista nisseno Maurizio Alletto.

"Fadoi insieme ad altre società scientifiche - ha spiegato Burgio - hanno cominciato a capire che dobbiamo occuparci di questo. Ho affrontato in particolare il tema dell'equilibrio idroelettrolitico e del modo in cui si diagnosticano e si curano le alterazioni degli elettroliti. Parlo di sodio, magnesio, potassio, calcio. Quando un equilibrio viene meno riportare tutto nella norma non è semplice e, per esempio, è fondamentale capire come si riequilibra il sodio. Un paziente che ha un'iponatriemia, cioè un abbassamento del sodio, può arrivare al pronto soccorso mimando un ictus. Se un medico non capisce che quella condizione mentale può essere attribuibile anche a un disordine elettrolitico fa fare una tac e magari non pensa che invece deve riequilibrare il sodio. Ecco questo è un esempio classico per far capire quanto sia importante per un medico conoscere, sapere e anche appropriarsi di questa capacità di diagnosticare e curare un disturbo idroelettrolitico. Se un medico non sa curare bene una iponatriemia così come una ipernatriemia può fare più danni di quello che ha fatto lo stesso disturbo".

Ad Antonio Burgio abbiamo chiesto, in tema di integratori se chiunque può assumerli o se è necessario contattare il medico. "La qualità di elettroliti presente negli integratori - ha spiegato Burgio - è talmente piccola che difficilmente possono creare problemi. Per cui gli integratori vengono fatti appositamente con queste piccole quantità per evitare che un eccesso possa dare problemi. Chiunque può prenderli, a meno che non ci siano patologie particolari, e io in ogni caso consiglio sempre di chiedere al medico".

© Riproduzione riservata

Condividi Notizia
Commenti
Congresso Fadoi a Caltanissetta. Quando l'iponatriemia può mimare un ictus, il dottore Burgio spiega l'importanza degli elettroliti

Ti potrebbero interessare

Articoli simili

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
.1
Realizzazione Siti web Caltanissetta