Seguo News
Caro energia. Per i medici l'uso di stufe, camini, legna e pellet mette a rischio la salute
Salute
Visite6825

Caro energia. Per i medici l'uso di stufe, camini, legna e pellet mette a rischio la salute

A mettere in guardia è la Società italiana di medicina ambientale (Sima), che ha diffuso oggi i dati sulle emissioni inquinanti

Redazione
12 Novembre 2022 16:56

Stufe, camini, legna e pellet sostituiscono sempre più spesso il gas come fonte di riscaldamento in casa, ma provocano una crescita dei livelli di inquinamento atmosferico, con danni sul fronte della qualità dell'aria anche all'interno delle case e ripercussioni sulla salute pubblica. A mettere in guardia è la Società italiana di medicina ambientale (Sima), che ha diffuso oggi i dati sulle emissioni inquinanti degli impianti di riscaldamento alternativi al gas.

"Con i prezzi del gas naturale in forte crescita si assiste in Italia ad un maggior utilizzo di stufe e camini all'interno delle abitazioni private - spiega il presidente Alessandro Miani - Impianti che però hanno ripercussioni dirette sull'inquinamento dell'aria che respiriamo: basti pensare che in Italia i camini aperti tradizionali rilasciano ogni anno 3.679 tonnellate di Pm10 in atmosfera, 2.401 tonnellate quelli chiusi. Le stufe a legna, invece, immettono 2.651 tonnellate di Pm10. Per ogni Giga Joule bruciato, un caminetto aperto rilascia nell'atmosfera 860 grammi di Pm10; poco meno della metà una stufa a legna (480 grammi), mentre il caminetto chiuso ne emette 380 grammi. Una stufa a pellet rilascia in media 76 grammi di Pm10 per ogni Giga Joule bruciato, numeri nettamente superiori al gasolio (5 grammi) e al metano (0,2 grammi), sostanze che però liberano anche carbonio".

"Il maggior ricorso a stufe e camini provocherà il prossimo inverno un proporzionale incremento delle polveri sottili immesse in atmosfera, con ripercussioni sia sull'inquinamento dell'aria indoor, anche attraverso l'emissione di Idrocarburi policiclici aromatici (Ipa), sostanze cancerogene che si liberano dalla combustione della legna nei camini aperti delle nostre case, sia su quella outdoor e, quindi, sulla salute pubblica - sottolinea - con effetti indiretti negativi sulla spesa sanitaria nazionale".

© Riproduzione riservata

Condividi Notizia
Commenti
Caro energia. Per i medici l'uso di stufe, camini, legna e pellet mette a rischio la salute

Lillo

Ma io direi a questi medici i nostri antenati si riscaldavano cn il metano con le caldaie cn la luce e si campava fino a 90 anni ora cn questa storia di inquinamento per le stufe a legna ecc le persone li fanno morire ancor prima dei 90 dovremmo ritornare all'antica co tanginu e a cucina a legna che serviva sia per riscaldarsi che per cucinare e no andare dietro a legge baggiane che nn fanno altro che rovinare le tasche dei cittadini e se nn altro li fanno morire solo dalle bollette salare prima dei 90 anni

Morena Milani

Anch'io sono d'accordo ma questo anno mi sono sentita obbligata a farlo, ho una casa di 200 mq. lasciatami in eredità  da mio padre e ho con me mia madre di quasi 91 anni ed io ho seri problemi di salute,. Grazie alla legge Fornero, dopo 41 anni di servizio in un comune, percepisco solo 1161€ di pensione e sono laureato in biologia specializzata in acque interne, che in Italia vale carta straccia. Mai fatto un solo giorno il mio lavoro! Ditemi voi cosa devo fare? Non ho mai evaso le tasse, 700€ al mese di trattenute Se avete una soluzione al problema l'accetto volentieri Buona giornata

Ti potrebbero interessare

Articoli simili

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
.1
Realizzazione Siti web Caltanissetta