ricerca il tuo profilo
Seguo News
Caltanissetta. Stragi del '92, il pm Paci: "Messina Denaro per Riina era 'luce degli occhi' "
Cronaca
Visite1413

Caltanissetta. Stragi del '92, il pm Paci: "Messina Denaro per Riina era 'luce degli occhi' "

E' quanto ha affermato il Pm Gabriele Paci nel corso della sua requisitoria nel processo che si svolge in Corte d'Assise

Redazione
26 Giugno 2020 12:22

«Nel pieno del processo sulla trattativa, Totò Riina è inferocito. Si lamenta di Matteo Messina Denaro, che definisce un ragazzino che si è messo a prendere soldi, si interessa di sé stesso e non delle questioni. 'Se ci fosse suo padre, che era un bravo cristiano che mi dava a suo figlio per farne quello che dovevo fare...'». A ricostruire il rapporto tra il capo dei capi di Cosa nostra e il superlatitante è il pm Gabriele Paci nella requisitoria per il processo, a Caltanissetta, a Matteo Messina Denaro, accusato di essere uno dei mandanti degli attentati di Capaci e via D'Amelio.

«Brusca fornisce una indicazione fondamentale - ha continuato - Siamo alla fine del '92. Riina gli fa una confidenza e gli dice 'Guarda che se mi succede qualcosa, i picciotti Giuseppe Graviano e Matteo sanno tuttò».

Paci ha sottolineato più volte che Riina parlava di Messina Denaro come «la luce dei suoi occhi» e ha concluso: «Il padre lo aveva messo nelle sue mani. 'E io l'ho fatto buonò, diceva Riina, ricordando questo mafioso che gli era cresciuto sulle ginocchia». (ANSA).

© Riproduzione riservata

Condividi Notizia
Commenti
Caltanissetta. Stragi del '92, il pm Paci: "Messina Denaro per Riina era 'luce degli occhi' "

Ti potrebbero interessare

Articoli simili

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
.1
Realizzazione Siti web Caltanissetta