Seguo News
Caltanissetta, il prof Janni: "Al bellissimo e allegro evento della comunità rumena grave assenza del sindaco e delle istituzioni"
Attualita
Visite6725

Caltanissetta, il prof Janni: "Al bellissimo e allegro evento della comunità rumena grave assenza del sindaco e delle istituzioni"

"Alla faccia della retorica sull’integrazione. Alla faccia delle proclamate intenzioni di realizzare una comunità inclusiva"

Redazione
02 Ottobre 2023 13:54

Scrive Italo Calvino nell'immaginifico saggio-racconto Le città invisibili: «È inutile stabilire se Zenobia (Caltanissetta) sia da classificare tra le città felici o tra quelle infelici. Non è in queste due specie che ha senso dividere la città, ma in altre due: quelle che continuano attraverso gli anni e le mutazioni a dare la loro forma ai desideri e quelle in cui i desideri o riescono a cancellare la città o ne sono cancellati». Ieri ho avuto il piacere e l'onore di prendere parte al "Festival di scambio culturale tra la Romania e la Sicilia" che ha avuto luogo a Caltanissetta, in Piazza Garibaldi. Bellissima, importante manifestazione, piena di allegria, di gioia, di energia; espressione dell'arte e della cultura del popolo rumeno. Manifestazione che è stata ripresa e sarà trasmessa dalla televisione rumena.

A Caltanissetta, la comunità rumena, presente nella nostra città da diversi anni, è una delle più numerose e operose. Ad ogni modo, il fatto che mi ha colpito ieri, e che trovo gravissimo, è l'assenza assoluta e totale dei rappresentanti dell'Amministrazione comunale nissena, a cominciare dal sindaco Gambino, ma anche dei rappresentanti delle Istituzioni del nostro territorio. Anche di cittadini nisseni ne ho visti pochi. Insomma: un fatto che trovo tanto grave quanto assurdo. Alla faccia della retorica sull'integrazione. Alla faccia delle proclamate intenzioni di realizzare una comunità inclusiva, viva e pluralista. Che brutta politica subiamo. Che brutta politica viviamo in questa nostra città abitata da nisseni sempre più lontani e soli! Una bella città è soprattutto una bella comunità.     

Aggiungo a questa mia nota ciò che scrive Marcella Geraci sulla sua pagina Facebook: «Caltanissetta forse non ha dato buona mostra di sé, visto che al "Festival di scambio culturale tra la Romania e la Sicilia" non c'era nessun rappresentante dell'Amministrazione comunale di Caltanissetta, né alcun rappresentante delle Istituzioni nissene. La due giorni (30 settembre - 1 ottobre 2023) all'insegna dello scambio culturale organizzata ogni anno dall'Asir, ha invece registrato la presenza del Console della Romania a Catania (tra gli organizzatori), e di una rappresentanza delle istituzioni rumene (Departamentul Pentru Romanii de Pretutindeni, tra gli organizzatori), che hanno portato il loro saluto alla Città.

Un saluto che non è stato ricambiato dalle Istituzioni, ma solo dal viso allegro di chi ha preso parte a questa bella festa. Si tratta di un evento che, nel tempo, è cresciuto sia dal punto di vista della partecipazione sia dal punto di vista dell'offerta artistica. Un evento organizzato in onore delle persone di nazionalità rumena che vivono a Caltanissetta, lavorando in molti settori: ad esempio nell'agricoltura, nell'assistenza domiciliare o avviando piccoli negozi. Un saluto dell'Amministrazione comunale era doveroso, visto che, fra l'altro, figura nel cartello delle realtà organizzatrici dell'evento, così come la Regione Sicilia e l'Ars. Non voglio entrare nel merito delle motivazioni che hanno indotto il Sindaco a non partecipare, visto che non le conosco. Dico solo che avrebbe potuto delegare qualcuno al suo posto. Gli artisti rumeni invece ci hanno reso onore: la voce straordinaria di George Rotaru, che ha cantato una canzone di Gianni Morandi, è riuscita a commuovere.»
Prof. Leandro Janni, presidente regionale di Italia Nostra Sicilia

© Riproduzione riservata

Condividi Notizia
Commenti
Caltanissetta, il prof Janni: "Al bellissimo e allegro evento della comunità rumena grave assenza del sindaco e delle istituzioni"

Giovanni pace

Poca organizzazione nelle due giornate del festival e poi cosa grave la mancanza delle istituzioni sia comune che regione ma non so può entrare nel merito avranno avuto motivo graviper essere assenti ma potevano delegare specialmente che il console rumeno Iacob ci ha onorato con la sua presenza Comunque è stato un successo si spera nelle prossime edizioni

Ti potrebbero interessare

Articoli simili

SeguoNews.it � una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
.1
Realizzazione Siti web Caltanissetta