ricerca il tuo profilo
Seguo News
A+
A
A-
Violenza sulle donne, venerdì si presenta il centro "Lia Pipitone" a Caltanissetta
Cronaca
visite833

Violenza sulle donne, venerdì si presenta il centro "Lia Pipitone" a Caltanissetta

Un centro contro la violenza sulle donne anche a Caltanissetta. In questi giorni ne sono nati altri in Sicilia per volere dell'associazione Millecolor...

Redazione
02 Ottobre 2013 16:18

Violenza sulle donne, venerdì si presenta il centro "Lia Pipitone" a Caltanissetta Un centro contro la violenza sulle donne anche a Caltanissetta. In questi giorni ne sono nati altri in Sicilia per volere dell'associazione Millecolori Onlus – titolare di una struttura a Palermo - e ora prende forma anche nel capoluogo nisseno. Una rete di strutture intitolata a Lia Pipitone, la figlia di Antonio, boss dell’Acquasanta, uccisa il 23 settembre 1983 per essersi ribellata al padre e a Cosa Nostra. Una nuova e importante realtà quella nata a Caltanissetta, dove gli operatori raccoglieranno le richieste di aiuto delle donne vittime di soprusi. Venerdì 4 ottobre alle ore 17.00, nell’auditorium della parrocchia San Pietro in via Paolo VI a Caltanissetta, l’associazione nissena “Il giardino delle Idee” presieduta dalla psicologa Alice Garofalo (nella foto)presenterà ed inaugurerà il “Centro di Prevenzione, Ascolto e Lotta alla Violenza Lia Pipitone”. Un osservatorio che va ad aggiungersi agli altri nati in questi giorni a Palermo Siracusa, Ragusa, Messina, Caltagirone, Erice e Monreale. Le cronache nissene, periodicamente, riportano casi di violenza subiti dalle donne in tutte le sue manifestazioni. “L'obiettivo del centro – dicono i promotori – è quello di riconoscerne i segnali e i meccanismi che innescano un comportamento violento, ma soprattutto quello di sostenere le vittime fornendo loro un supporto costante e competente”. Alla presentazione del centro interverranno, oltre ad Alice Garofalo, anche Piero Cavaleri (psicologo e psicoterapeuta), Adriana Argento (responsabile della Rete Regionale Centri Antiviolenza "Lia Pipitone" e Responsabile del Centro di Palermo. Millecolori onlus), Antonio Ferrante (Direttore del Comitato Scientifico della Rete Regionale Centri Antiviolenza "Lia Pipitone") e Alessio Cordaro, figlio di Lia Pipitone e co-autore del libro "Se muoio, sopravvivimi" scritto insieme a Salvo Palazzolo, giornalista di “Repubblica”. I centri garantiranno supporto psicologico e fisico, collegamento con il territorio, reinserimento nel lavoro. “Questa rete nasce indipendentemente dal sostegno dell’assistenza pubblica – aggiungono i promotori del centro Lia Pipitone - è un impegno esaltante, fatto di associazionismo e volontariato, fatto di solidarietà e coscienza sociale”.

Caltanissetta: camion di piantine vola dal viadotto, ferito l'autista
News Successiva
Alfonso Cicero ascoltato dall'Antimafia dell'Ars, verbali secretati
Seguici su
Google News
Resta sempre aggiornato
con le notizie di Seguonews
Commenti
Violenza sulle donne, venerdì si presenta il centro "Lia Pipitone" a Caltanissetta
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.

Ti potrebbero interessare

Articoli simili

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
.1
Realizzazione Siti web Caltanissetta