ricerca il tuo profilo
Seguo News
A+
A
A-
Rilancio del territorio: organizzazioni datoriali a confronto con i sindaci di Caltanissetta e Gela
Attualita
visite1378

Rilancio del territorio: organizzazioni datoriali a confronto con i sindaci di Caltanissetta e Gela

Gli "Stati generali" del territorio ritengono che bisogna rigenerare la nostra economia, bloccare a migrazione dei giovani e dei non più giovani

Redazione
17 Maggio 2020 11:04

Rilancio del territorio, questo il tema scelto nel primo incontro promosso dalle organizzazioni sindacali datoriali, sindacato dei lavoratori, ordini professionali con la deputazione regionale e nazionale ed i Sindaci di Caltanissetta e Gela. È nostro convincimento istituire un metodo straordinario rispetto all'emergenza che si sta attraversando e per tale ragione gli "stati generali" del territorio provinciale (cioè dei 22 Comuni in rappresentanza di 270mila cittadini) hanno proposto un confronto mensile con onorevoli e senatori eletti nella nostra provincia.Da mesi siamo la 107esima provincia su 107 quindi l'ultima. E da questa triste certezza dobbiamo ripartire, rigenerare la nostra economia, bloccare la migrazione dei giovani e dei non più giovani.
Va sbloccata l'edilizia e va fatto con urgenza, l'ecobonus offre una opportunità e un tempo, diciotto mesi  per rendere le nostre case più sobrie nei consumi energetici e più sicure senza spendere nulla. Sulla carta quella offerta dal decreto rilancio con il super ecobonus, che prevede un vantaggio fiscale del 110% sotto forma di detrazioni Irpef spalmate in cinque anni, è un’occasione da non perdere, al punto che secondo una stima dell’Ufficio studi Gabetti potrebbe muovere già entro fine anno investimenti per 7 miliardi di euro. Però è opportuno sapere che ci sono regole stringenti da rispettare e che comunque il bonus non è per tutti gli immobili né per tutti i contribuenti, noi dobbiamo essere consapevoli degli effetti nei Comuni del Sud Italia perché così il Sud sarebbe svantaggiato dato che  imprese che hanno fatturati importanti ne esistono poche, questo aspetto va riformulato casì da avere un nuovo rapporto tra cittadino che intende realizzare l'opera e impresa esecutrice a garanzia dei lavoratori, l'agricoltura va valorizzata, i prodotti di qualità non devono essere solo il frutto di un lavoro duro e fatto di sacrifici magari a detrimento dei diritti ma deve tenere conto della qualità del lavoro, della sicurezza dei luoghi di lavoro laddove la formazione e l’innovazione devono essere considerate come elementi del lavoro che mette al centro la persona con la sua professionalità e il suo modo di operare, noi siamo consapevoli che nella nostra provincia ci sono aziende serie che riconoscono diritti, garantiscono la qualità e la sicurezza del lavoro e producono profitti sull’eccellenza del prodotto, la sanità va mantenuta con gli investimenti da effetto Covid - 19 rafforzando la medicina del terriorio, le USCA (unità Speciali di continuità assistenziale), le stesse dovrebbero lavorare a pieno regime con le diagnostiche così da garantire il diritto alla salute bloccando la mobilità sanitaria, lo stesso rigore va realizzato nel rapporto con le banche che in troppe occasioni negano il credito alle imprese sane elevando il rischio usura da sempre presente e attiva e ancor di più collegata alle cosche mafiose storiche del nostro territorio ciò faciliterebbe la vita di migliaia di partite Iva e quindi migliaia di lavorarci e lavoratori da mesi in cassa integrazione ordinaria, straordinaria e in deroga, per noi questo settore va sostenuto attraverso parametri trasparenti e immediati perché molte saracinesce rischiano di non potere essere alzate, la scuola pubblica va attenzionata con serietà, dalla sicurezza delle aule  alla infrastrutturazione informatica, all'effetto economico di nuove assunzioni utili a sdoppiare le classi garantendo la salute a tutti, alunni e personale scolastico. Il confronto è indispensabile, noi non ci stancheremo mai di promuoverlo perchè da 107esima provincia d'Italia possiamo risalire la classifica ottenendo risultati veri, non solo parole vuote (Confesercenti,confcommercio,cna,casartigiani,cidec,confagricoltura,coldiretti, sindacati confederali provinciali dei lavoratori 

Gela, le organizzazioni di categoria: "Nessun aumento dei prezzi. Eventuali rincari vanno segnalati"
News Successiva
Gela, Fase 2: ogni settore del Comune dovrà adottare una serie di iniziative per far ripartire l'economia
Seguici su
Google News
Resta sempre aggiornato
con le notizie di Seguonews
Commenti
Rilancio del territorio: organizzazioni datoriali a confronto con i sindaci di Caltanissetta e Gela
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.

Ti potrebbero interessare

Articoli simili

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
.1
Realizzazione Siti web Caltanissetta