ricerca il tuo profilo
Seguo News
A+
A
A-
"Picchiarono un anziano e gli diedero fuoco": condannato a 16 anni in appello uno degli imputati
Cronaca
visite1073

"Picchiarono un anziano e gli diedero fuoco": condannato a 16 anni in appello uno degli imputati

Per gli inquirenti, ad intrufolarsi nella casa del pensionato sarebbero stati Gennaro e Tranchina  ma sarebbe stato quest’ultimo a gettare del liquido infiammabile e a dare fuoco all’anziano

Redazione
27 Febbraio 2020 10:04

E’ stato condannato dalla Corte di Appello di Catania a 16 anni di reclusione per omicidio Marco Gennaro, 22 anni, siracusano, accusato, insieme ad un amico, della morte di un anziano, Giuseppe Scarso, 80 anni, picchiato e poi dato alle fiamme nella sua abitazione nell’ottobre del 2016 e poi deceduto in ospedale, al Cannizzaro di Catania, un mese e mezzo dopo la brutale aggressione. (nella foto da sinistra la vittima, Andrea Tranchina e Marco Gennaro)In primo grado, al termine del processo con il rito abbreviato, il gup del tribunale di Siracusa aveva emesso una pena pari a 10 anni di carcere per Gennaro mentre il complice, Andrea Tranchina,  21 anni, aveva rimediato una condanna a 20 anni di reclusione dai giudici della Corte di Assise di Siracusa. Nel processo davanti al gup, alla sbarra c’era un altro giovane,  Sebastiano Amorelli, condannato a 4 mesi per stalking, amico dei due, che però non avrebbe partecipato alla spedizione contro l’anziano.
Per gli inquirenti, ad intrufolarsi nella casa del pensionato sarebbero stati Gennaro e Tranchina  ma sarebbe stato quest’ultimo a gettare del liquido infiammabile e a dare fuoco all’anziano. Secondo gli inquirenti, prima di quella terribile "bravata" ce ne sarebbero state altre due ma decisamente meno cruente. Sono state le immagini delle telecamere di sicurezza di un distributore di benzina, non molto distante dalla casa del pensionato, a dare i primi indizi alle forze dell’ordine. La svolta è arrivata dopo un interrogatorio di un amico dei presunti autori dell’omicidio che agli agenti della Squadra mobile avrebbe raccontato dei dettagli importanti su quella drammatica notte.
La difesa di Gennaro, rappresentata da Aldo Ganci, ha sempre sottolineato che il giovane sarebbe uscito dalla casa del pensionato, al ronco II di via Grottasanta, nella nord nord di Siracusa, prima che la vittima si trasformasse in una torcia umana, addebitando, dunque, le responsabilità all’altro imputato. Il legale ha annunciato ricorso in Cassazione.
Per gli inquirenti, sulla scorta delle  relazione dei periti, le ustioni sul corpo sono state poi fatali per l’anziano, deceduto al Cannizzaro di Catania. Ma su questo aspetto, la difesa di Tranchina, rappresentata dall’avvocato Giancarlo Nassi, nel corso del processo in primo grado aveva avanzato un’altra tesi, secondo cui  il pensionato sarebbe morto per un batterio killer contratto durante la degenza della vittima nell’ospedale catanese. (Gaetano Scariolo, Blogsicilia.it)

Si spaccia per medico e adesca una ragazzina su instagram: giovane di Villabate arrestato per violenza sessuale
News Successiva
Caltanissetta, pedone investito da un Suv trasportato al pronto soccorso del Sant'Elia
Seguici su
Google News
Resta sempre aggiornato
con le notizie di Seguonews
Commenti
"Picchiarono un anziano e gli diedero fuoco": condannato a 16 anni in appello uno degli imputati
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.

Ti potrebbero interessare

Articoli simili

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
.1
Realizzazione Siti web Caltanissetta