ricerca il tuo profilo
Seguo News
A+
A
A-
Mussomeli, crisi respiratorie: l'Hodierna con una stampante 3D realizza la valvola per usare le maschere Decathlon
Salute
visite1350

Mussomeli, crisi respiratorie: l'Hodierna con una stampante 3D realizza la valvola per usare le maschere Decathlon

L'istituto realizza la valvola "Charlotte" che permette di modificare una maschera da snorkeling in una maschera respiratoria d'emergenza oppure in un dispositivo di protezione individuale per gli operatori sanitari

Redazione
16 Aprile 2020 10:07

L'IIS “G.B. Hodierna” di Mussomeli a disposizione della comunità anche nella lotta al Coronavirus. L’istituto, oltre ad avere immediatamente avviato la didattica a distanza, ha fatto altresì la scelta di mettersi a disposizione dell'intera comunità con un esempio concreto di cittadinanza attiva, nella certezza che la scuola non deve solo “istruire”, ma prima ancora educare a 360 gradi. L’Istituto dispone di una stampante 3D (Makerbot Replicator+) che viene regolarmente utilizzata dai propri studenti durante le lezioni come strumento didattico altamente innovativo. Consapevoli delle potenzialità di detto strumento, un gruppo di docenti, subito coadiuvati dallo staff dirigenziale e amministrativo dell'Istituto, ha pensato di utilizzare la stampante 3D della scuola, per la realizzazione della valvola “Charlotte”, una semplice valvola che permette di modificare una maschera da snorkeling in una maschera respiratoria d'emergenza oppure in un dispositivo di protezione individuale per gli operatori sanitari. Il progetto è stato posto anche all’attenzione del Dott. Dell’Utri (direttore del Presidio Ospedaliero “M. I. Longo” di Mussomeli) al fine di avere un parere medico-scientifico sull'iniziativa promossa dall'IIS “G.B. Hodierna”. La Decathlon ha già donato 10.000 mascherine a tutti gli Assessorati Regionali alla Sanità (anche a quello della Regione Sicilia), pro-quota rispetto alla popolazione (quindi circa 800 alla Regione Sicilia), ma in attesa che le suddette maschere vengano messe a disposizione degli Ospedali, l’IIS Hodierna ha già iniziato a produrre gli adattatori in questione (ad oggi sono già 20) e ad organizzare, con la collaborazione della Frates di Mussomeli, un’operazione di reperimento delle suddette maschere. L'Istituto chiede, però, anche la collaborazione di tutta comunità e in particolar modo a chiunque sia in possesso di una mascherina Airbreath ovvero di donarla poiché, in questo momento, risulta difficile acquistarle sul mercato. L’idea è di coinvolgere i cittadini a donare le maschere in loro possesso, permettendone la modifica e la successiva consegna all’ospedale “Longo” di Mussomeli. I cittadini che volessero contribuire al progetto, potranno conferire la loro maschera presso la FRATRES di Mussomeli (Piazzale Mongibello). Le maschere quindi potranno essere consegnate presso la sede della FRATRES, piazzale Mongibello (Mussomeli), tutti i giorni dalle ore 09.00 alle 19.00 (è consigliabile fissare comunque un appuntamento telefonicamente ai seguenti numeri: 0934 992458, 328194670, 3287561218).Ne da notizia il prof. Franco Amico.

Mussomeli, il Nursind: soddisfatti per riapertura Lungodegenza e Oculistica, ora si intervenga su Chirurgia
News Successiva
Coronavirus. A Mussomeli i consiglieri comunali chiedono l'allestimento di una tenda pre-triage
Seguici su
Google News
Resta sempre aggiornato
con le notizie di Seguonews
Commenti
Mussomeli, crisi respiratorie: l'Hodierna con una stampante 3D realizza la valvola per usare le maschere Decathlon
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.

Ti potrebbero interessare

Articoli simili

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
.1
Realizzazione Siti web Caltanissetta