ricerca il tuo profilo
Seguo News
A+
A
A-
Muos Niscemi, gli esperti: "Rischio rilevante". La Difesa esige verifiche tecniche
Cronaca
visite249

Muos Niscemi, gli esperti: "Rischio rilevante". La Difesa esige verifiche tecniche

"Il rischio Muos è rilevante" per gli abitanti di Niscemi "dal punto di vista dei campi elettromagnetici. Ne sconsigliamo l'installazione". Massimo Zu...

Redazione
25 Marzo 2014 09:45

"Il rischio Muos è rilevante" per gli abitanti di Niscemi "dal punto di vista dei campi elettromagnetici. Ne sconsigliamo l'installazione". Massimo Zucchetti, professore di protezione delle radiazioni del Politecnico di Torino, ha presentato in audizione nelle commissioni riunite Sanità e Ambiente un rapporto di oltre 170 pagine elaborato da un gruppo di scienziati di cui fa parte. Vi sono "rischi di esposizione cronica degli abitanti e di disturbo della navigazione aerea". Illustrando la relazione relativa al Muos, l'impianto di comunicazioni satellitari ad alta frequenza composta da quattro satelliti e la cui installazione è prevista a Niscemi, Zucchetti ha sottolineato come sulla base delle rilevazioni fatte dal gruppo di dieci scienziati indipendenti che ha redatto il rapporto, "i valori dei campi elettromagnetici stimati per effetto del Muos superano i limiti di sicurezza in relazione ad effetti acuti già ad una distanza di 17 chilometri". Dunque, ha sottolineato, "il rischio Muos è rilevante: vi sono rischi a breve termine e lungo termine per esposizione cronica ai campi elettromagnetici da parte dei cittadini, ma anche rischi di interferenze con apparecchiature elettromedicali e disturbi per la navigazione aerea". In relazione alla presenza di campi elettromagnetici, a Niscemi e zone limitrofe, ha avvertito Zucchetti, "ci sono già valori prossimi o superiori ai livelli di attenzione previsti dalla legge. Abbiamo dati per cui già le antenne attuali superano i valori previsti". L'esperto ha quindi rilevato come "per poter autorizzare l'installazione di un apparato come il Muos, la legge prevede la messa a punto di un modello previsionale per i campi elettromagnetici, ma questo non è mai stato fatto. Non avendo tale modello - ha puntualizzato - non è possibile nè dare un parere nè autorizzare l'impianto Muos in mancanza di quanto la legge prescrive". PROCEDURA FUORI LEGGE. "La procedura autorizzativa del 2011 relativa al Muos era al di fuori della prescrizione di legge, pertanto una ripresa dei lavori necessita di una nuova procedura", ha aggiunto Massimo Zucchetti. Illustrando la relazione messa a punto da un gruppo di scienziati indipendenti, di cui fa parte, Zucchetti ha sottolineato che vi è un'ampia letteratura scientifica recente che "conferma gli effetti dei campi elettromagnetici a lungo termine". Nel rapporto, ha detto, "abbiamo raccolto quattromila studi sperimentali che riportano effetti a medio e a lungo termine dei campi elettromagnetici". Pertanto, ha avvertito, "è necessario una valutazione predittiva per il Muos secondo le norme Cei previste dalla legge italiana, mentre non vale fare riferimento alla legge Usa che è meno restrittiva". Netta la conclusione del gruppo di scienziati che ha redatto il rapporto: "riteniamo che il Muos - ha affermato Zucchetti - ricade in un contesto di grave inquinamento ambientale, che non può essere ulteriormente inquinato con altre installazioni". RAPPORTI USA SUPERFICIALI. Per Marcello D'Amore, professore emerito presso la facoltà di Ingegneria e ordinario di elettrotecnica all'università La Sapienza di Roma, anche lui ascoltato in audizione alle commissioni riunite Sanità e Ambiente al Senato," il rapporto di conformità redatto dalla Us Navy in merito all'installazione del Muos, l'impianto di comunicazioni satellitari, a Niscemi, "è di una superficialità che ho trovato imbarazzante". Non si tiene conto, ha detto, della sismicità dell'area e della vicinanza di tre aeroporti. La relazione della Us navy, ha sottolineato D'Amore, "non considera le caratteristiche altamente sismiche del territorio", che avrebbero un impatto sull'installazione Muos. Inoltre, il Muos sorge in prossimità di tre aeroporti: "Gli aerei in atterraggio a Comiso ad esempio - ha affermato l'esperto - possono essere investiti dal fascio satellitare", con prevedibili effetti, "ma di questo non si parla". Ancora: "C'è un calcolo di campo elettromagnetico - ha rilevato D'Amore - per una zona lontana, mentre interessa sapere cosa avviene nelle aree vicine, ad un massimo di 20 km dalla stazione". Tra le altre "carenze" indicate anche il fatto che il rapporto indica che l'antenna Muos "punta verso il cielo", ma l'assenza di effetti a terra non è certa. Infine, ha rilevato l'esperto, i rilevamenti elettromagnetici per l'impianto già esistente risultano già "alti". MINISTERO DELLA DIFESA: "STOP SE VALORI FUORI NORMA". Il brigadiere generale del Genio Aeronautico, Mauro Becherelli, in audizione alle commissioni congiunte Sanità e Ambiente del Senato, ha assicurato: "Il Muos non entrerà in funzione se non c'è una certificazione pratica con un sistema di monitoraggio di centraline che dovrà servire ad attenuare le paure della popolazione". Il sistema di monitoraggio, ha spiegato Becherelli, "è previsto che entri in funzione un mese prima e, comunque, prima dell'entrata in funzione del Muos, prevista non prima del prossimo novembre, mentre il satellite per il Muos verrà messo in orbita a marzo 2015". Il brigadiere generale ha quindi sottolineato come, prima del via all'attività del Muos, dovrà dunque "essere conclusa tutta una fase di monitoraggio" e in ogni caso, ha ribadito, "il sistema non potrà comunque essere messo in funzione se non sarà appunto completata la rete per il monitoraggio". Dal "punto di vista ingegneristico - ha aggiunto - pensiamo che il sistema di monitoraggio, che sarà sotto l'egida dell'Arpa - potrà dare rassicurazioni". Se i valori relativi ai campi elettromagnetici "saranno fuori norma, il Muos (l'impianto di comunicazioni satellitari ad alta frequenza a Niscemi, Ndr) si spegnerà e non potrà funzionare. Èquesto il vantaggio del sistema di monitoraggio che si sta offrendo al fine della trasparenza". "Èl'Arpa - ha precisato Becherelli - che sta conducendo l'organizzazione del sistema di monitoraggio. Si sta sviluppando - ha spiegato - una tecnologia particolare apposita". Becherelli ha quindi sottolineato che per l'onere delle centraline per il monitoraggio "il finanziamento sarà a cura del governo Usa". Il rappresentante del ministero della Difesa ha quindi ribadito che "ciò che ha scritto il dicastero della Difesa è appunto che il sistema sarebbe entrato in funzione solo con il superamento" delle verifiche.

Niscemi, frana del '97. Aperta indagine su appalti illeciti dopo denuncia dei cittadini
News Successiva
"Arancia meccanica" a Niscemi. Anziano bastonato per rapina, romeno arrestato

Ti potrebbero interessare

Commenti

Muos Niscemi, gli esperti: "Rischio rilevante". La Difesa esige verifiche tecniche

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852