ricerca il tuo profilo
Seguo News
A+
A
A-
Imprenditore di Gela suicida perchè la sua azienda non era nella white list. Il Tar: "L'impresa non era mafiosa"
Cronaca
visite3125

Imprenditore di Gela suicida perchè la sua azienda non era nella white list. Il Tar: "L'impresa non era mafiosa"

Il tribunale amministrativo del lazio riabilita la Cosiam. Il suo titolare un anno fa decise di togliersi la vita

Redazione
09 Luglio 2020 19:41

A distanza di un anno e mezzo da una interdittiva antimafia e dopo il suicidio dell’imprenditore che ne era oggetto, il Tar del Lazio annulla tutti i provvedimenti adottati dal ministero dell’Interno e riabilita la Cosiam, di Riccardo Greco, l’uomo che si ribellò ai suoi estortori, li denunciò e li fece arrestare.
 Al centro della vicenda c'è una delle società edili più grandi di Gela, entrata nella spirale letale del sistema delle certificazioni antimafia perchè avrebbe voluto partecipare alle gare d’appalto per la ricostruzione dell’Abruzzo. Nel dicembre del 2018 il Ministero dell’Interno - struttura di missione prevenzione e contrasto antimafia Sisma - adottò con un decreto l’informativa antimafia interdittiva nei confronti della società gelese. Con lo stesso decreto venne rigettata l’iscrizione della società nell’anagrafe antimafia degli esecutori dei lavori di riqualificazione dell’Abruzzo dopo il terremoto avvenuto nel 2016. Ad un anno e mezzo da quel decreto, oggi il Tar del Lazio (presidente Francesco Arzillo, consigliere Vincenzo Blanda e Anna Maria Verlengia consigliere estensore) annulla il decreto e riabilita la società. 
Cl2/Fab (Segue)
 L’interdittiva antimafia per la Cosiam srl era stata emessa sul «presupposto della sussistenza...del pericolo del tentativo di infiltrazione mafiosa». I legali della società, avv. Giuseppe Aliquò e Franco Coccoli, chiesero l’annullamento del decreto del Ministero dell’Interno per violazione e falsa applicazione dei principi di imparzialità e buon andamento dell’azione amministrativa, dell’applicazione del principio di libertà di iniziativa economica, del principio di certezza del diritto; eccesso di potere: sviamento della causa tipica, travisamento ed erronea valutazione dei fatti, difetto di istruttoria, illogicità ed ingiustizia manifesta.
 L’interdittiva era stata emessa perchè il titolare, Riccardo Greco, in passato era stato vittima di richieste illecite da parte di sodalizi di di stampo mafioso: da qui l’assunto secondo cui il suo comportamento avrebbe integrato «forma prototipica di situazione a rischio di infiltrazione criminale in quanto anche soggetti semplicemente conniventi con la mafia per quanto non concorrenti, nemmeno esterni, con siffatta forma di criminalità, e persino imprenditori soggiogati dalla sua forza intimidatoria e vittime di estorsioni, sono passibili di informativa antimafia"».
 Un «peso» insostenibile per l’imprenditore Riccardo Greco, che i propri aguzzini aveva denunciato, dando modo ad altri titolari di aziende sdi seguire il suo esempio: decise di farla finita con la propria vita a fine febbraiodello scorso anno, qualche giorno dopo la pubblicazione dell’ordinanza del Tar con la quale veniva rigettata la sua richiesta di annullamento degli atti ministeriali. 

Gela, scoperta piantagione di cannabis "superskunk" tra le zucchine: arrestato un egiziano
News Successiva
Gela, incidente sulla Ss 115: auto si ribalta, due feriti
Seguici su
Google News
Resta sempre aggiornato
con le notizie di Seguonews
Commenti
Imprenditore di Gela suicida perchè la sua azienda non era nella white list. Il Tar: "L'impresa non era mafiosa"
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.

Ti potrebbero interessare

Articoli simili

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
.1
Realizzazione Siti web Caltanissetta