ricerca il tuo profilo
Seguo News
A+
A
A-
Immigrazione. Sbarco a Catania di 198 profughi: ci sono anche 4 donne incinte
Cronaca
visite501

Immigrazione. Sbarco a Catania di 198 profughi: ci sono anche 4 donne incinte

Sono 198 i migranti sbarcati stamattina a Catania dalla nave "Espero" della Marina militare che li ha soccorsi nel Canale di Sicilia nel contesto dell...

Redazione
31 Ottobre 2013 10:39

Sono 198 i migranti sbarcati stamattina a Catania dalla nave "Espero" della Marina militare che li ha soccorsi nel Canale di Sicilia nel contesto dell'operazione "Mare nostrum". Il loro numero esatto e' stato determinato da un piu' preciso censimento fatto una volta a terra. Nel gruppo ci sono quattro donne in gravidanza. I profughi da identificare saranno ospitati al Palaspedini di Catania, quelli gia' identificati sono stati destinati al Cara di Mineo. Dei 198 immigrati, 76 sono stati salvati a sessanta miglia da Lampedusa, gli altri 122, tra cui 19 donne, sono state recuperati da un peschereccio in un tratto di mare poco distante in un secondo intervento. "I migranti sono stati soccorsi in due interventi distinti -ha detto il comandante della 'Espero', il capitano di fregata, Luca Pirozzi- due sere fa, dalla nave 'Maestrale', a circa 60 miglia a Sud di Lampedusa. Sono stati controllati dal team sanitario della nave e a parte due casi per i quali sono stati prestati i primi soccorsi con gli elicotteri, possiamo dire che la situazione sanitaria e' buona. L'operazione 'Mare Nostrum' -ha aggiunto l'ufficiale- e' collaudata e consolidata, in vigore dal 19 ottobre. La nave 'San Marco' opera come sede di comando, vi sono anche due fregate e due pattugliatori di Augusta elicotteri, velivoli di pattugliamento e droni che controllano costantemente l'area a Sud di Lampedusa". Il comandante della 'Espero' ha sottolineato che "sono mezzi importanti, per un'area che e' molto vasta e un dispositivo cospicuo che ci da' la garanzia di operare in profondita' e prestare assistenza a queste persone in breve tempo. Il dispositivo -ha spiegato- opera con navi di altura e quindi ci consente di avere una situazione chiara di cio' che succede in mare fino ad 80-100 miglia a sud di Lampedusa. Questa e' una cooperazione interministeriale che ha messo in campo forze non solo della Marina militare, ma anche della capitaneria di porto e di altri porti dello Stato che, a vario titolo, contribuiscono alla salvaguardia della vita umana. A bordo delle navi sono imbarcati dei team della polizia e un mediatore culturale che hanno il compito di facilitare il riconoscimento. Per quanto riguarda la nave 'Espero' -ha concluso Pirozzi- abbiamo ultimato questa prima assegnazione. Dopo 20 giorni in mare siamo stati sostituti da un'altra unita' della stessa classe e domani faremo rientro a Taranto, in attesa di nuove disposizioni".

Anghillà, ennesimo raid al bar Esso: rubate sigarette e incasso. Ladri perdono il bottino
News Successiva
Presa la banda che trafficava bambini tra Africa ed Europa: 7 arresti a Palermo
Seguici su
Google News
Resta sempre aggiornato
con le notizie di Seguonews
Commenti
Immigrazione. Sbarco a Catania di 198 profughi: ci sono anche 4 donne incinte
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.

Ti potrebbero interessare

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
.1
Realizzazione Siti web Caltanissetta