ricerca il tuo profilo
Seguo News
A+
A
A-
Il Comune di Riesi parte civile contro Cosa nostra, alla sbarra 30 imputati del clan Cammarata
Cronaca
visite7665

Il Comune di Riesi parte civile contro Cosa nostra, alla sbarra 30 imputati del clan Cammarata

Il Tribunale di Caltanissetta ha accolto la richiesta del Comune di Riesi danneggiato nell'immagine e nel suo tessuto economico

Redazione
06 Giugno 2019 16:14

La mafia di Riesi alla sbarra. Al via oggi, nell’aula bunker del carcere di Caltanissetta, l’udienza preliminare nei confronti di 30 imputati, ritenuti affiliati a Cosa nostra di Riesi.Il Comune di Riesi, nella persona del suo Sindaco Salvatore Chiantia, si è oggi costituito parte civile nel processo scaturito dall’inchiesta condotta dalla Dda di Caltanissetta, e lo ha fatto tramite l’avv. Annalisa Petitto nei confronti di tutti gli imputati e per tutti i 21 capi di imputazione. A sostenere l’accusa in aula i Pm Maurizio Bonaccorso e Claudia Pasciuti.
Contestati a vario titolo l’associazione a delinquere di stampo mafioso, estorsioni, associazione a delinquere finalizzata alla coltivazione ed allo spaccio di sostanza stupefacente, detenzione di armi.
Le ragioni a sostegno della costituzione di parte civile dell’ente possono leggersi nel corposo atto di costituzione depositato dal difensore e procuratore speciale nell’interesse del Comune di Riesi, danneggiato nell’immagine e, soprattutto nel suo tessuto economico e sociale dalla presenza, nel territorio, della cosca mafiosa che, attraverso il metodo dell’assoggettamento, della minaccia, della violenza, ha drogato per decenni l’economia locale e messo a rischio l’intera comunità.
Il Comune ha deciso di costituirsi parte civile sentendo lesi valori e principi fondanti dell’ente stesso nonché la sua stessa comunità di cittadini per i cui danni patiti, patrimoniali e non, il comune chiederà un congruo risarcimento la cui quantificazione verrà nel prosieguo definita e provata.
L’’udienza riprenderà il 13 giugno perché i Pm hanno annunciato la produzione delle ultime dichiarazioni rese dal collaboratore di giustizia di Riesi, Carmelo Arlotta.
Il blitz scattò il 2 luglio di un anno fa e l’operazione venne denominata “De reditu”

Trentottenne di Riesi assassinato a colpi di fucile: resta in carcere Michael Castorina
News Successiva
In auto con oltre un etto di hashish, arrestati tre giovani riesini per detenzione e spaccio di stupefacenti
Seguici su
Google News
Resta sempre aggiornato
con le notizie di Seguonews
Commenti
Il Comune di Riesi parte civile contro Cosa nostra, alla sbarra 30 imputati del clan Cammarata
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.

Ti potrebbero interessare

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
.1
Realizzazione Siti web Caltanissetta