ricerca il tuo profilo
Seguo News
A+
A
A-
Gli omicidi del "caro estinto" a San Cataldo. Il pg alla Cassazione: "Imputati colpevoli, pene da confermare"
Cronaca
visite950

Gli omicidi del "caro estinto" a San Cataldo. Il pg alla Cassazione: "Imputati colpevoli, pene da confermare"

Dino Calì Vanno confermate le condanne nei confronti di tre imputati accusati di aver avuto un ruolo nella faida del caro estinto a San Cataldo. Ogg...

Redazione
04 Novembre 2014 18:08

Gli omicidi del "caro estinto" a San Cataldo. Il pg alla Cassazione: "Imputati colpevoli, pene da confermare" Dino Calì Vanno confermate le condanne nei confronti di tre imputati accusati di aver avuto un ruolo nella faida del caro estinto a San Cataldo. Oggi il sostituto procuratore generale della Cassazione ha chiesto la conferma di tre condanne emesse dalla Corte d'Assise d'Appello di Caltanissetta, in particolare la pena a 20 anni di carcere per l'impresario di pompe funebri Dino Calì (difeso dall'avvocato Antonio Impellizzeri) accusato di essere il mandante dell'omicidio del cugino e concorrente Salvatore Calì, ucciso davanti la sua agenzia di onoranze funebri la sera del 27 dicembre del 2008 a San Cataldo. Dino Calì - al quale di recente sono stati confiscati i beni - è anche accusato di associazione mafiosa e del possesso di un arsenale, in particolare di aver fatto parte di un clan emergente che - secondo la tesi della Direzione distrettuale antimafia di Caltanissetta e dei carabinieri - voleva soppiantare i vecchi mafiosi. L'accusa ha inoltre chiesto la conferma della condanna a 10 anni di reclusione per il pastore Enzo Mancuso, anche lui accusato di essere un affiliato alla cosca e di essere uno dei tre membri del commando che il 28 novembre del 2009 tentò di uccidere Stefano Mosca, anche lui titolare insieme ai fratelli di un'agenzia di pompe funebri in città e nipote di Totò Calì. Ultima condanna a 4 anni e 8 mesi che il pg ha chiesto di confermare riguarda Salvatore Lombardo (difeso dall'avvocato Pietro Sorce), tirato in ballo soltanto per associazione mafiosa. Alle richieste dell'accusa si sono associati i difensori delle vittime che si sono costituite parte civile, i familiari di Totò Calì e Stefano Mosca, in particolare gli avvocati Raffale Palermo che assiste anche l'associazione antiracket "Rosario Livatino" e Rossella Giannone. Nelle prossime ore è atteso il verdetto della Cassazione, che dovrà esprimersi sulle posizioni dei tre imputati. FOTO ARCHIVIO

La faida fra tabutari a San Cataldo: annullate condanne a Calì e Lombardo, 10 anni al killer di Mosca
News Successiva
Notte di Halloween, ispezioni Siae in 7 locali a Caltanissetta e San Cataldo: sanzionati 4 gestori
Seguici su
Google News
Resta sempre aggiornato
con le notizie di Seguonews
Commenti
Gli omicidi del "caro estinto" a San Cataldo. Il pg alla Cassazione: "Imputati colpevoli, pene da confermare"
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.

Ti potrebbero interessare

Articoli simili

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
.1
Realizzazione Siti web Caltanissetta