ricerca il tuo profilo
Seguo News
A+
A
A-
I rischi della Rete spiegati ai ragazzi. Nel Nisseno fa tappa il Truck della Polizia Postale
Eventi
visite98

I rischi della Rete spiegati ai ragazzi. Nel Nisseno fa tappa il Truck della Polizia Postale

Domani 6 Aprile 2016, la Piazza Umberto I di Gela ospiterà il “Truck della Polizia Postale”, nell’ambito dell’imponente campagna educativa itinerante ...

Redazione
05 Aprile 2016 11:45

Domani 6 Aprile 2016, la Piazza Umberto I di Gela ospiterà il “Truck della Polizia Postale”, nell’ambito dell’imponente campagna educativa itinerante realizzata dalla Polizia di Stato e dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, nell’ambito del progetto Generazioni Connesse del Safer Internet Center Italia, sulla sensibilizzazione e prevenzione dei rischi e pericoli della Rete. Un progetto al passo con i tempi delle nuove generazioni, co-finanziato da quest’anno dalla Commissione Europea, riconoscendolo come una delle migliori “best practices“ in Europa. Nel corso delle 2 edizioni precedenti ha raccolto un grande consenso: gli operatori della Polizia Postale e delle Comunicazioni hanno incontrato circa 150.000 studenti nelle piazze e 800.000 nelle scuole, 25.000 genitori, 10.800 insegnanti per un totale di 2.800 Istituti scolastici, 18.000 km percorsi e oltre 130 città raggiunte sul territorio. Ancora una volta le Istituzioni scendono in campo insieme ad Associazioni, Aziende e società civile per un solo grande obiettivo: "fare in modo che i gravissimi episodi di cronaca culminati con il suicidio di alcuni adolescenti ed il dilagante fenomeno del cyberbullismo e di tutte le varie forme di prevaricazione connesse ad un uso distorto delle tecnologie, non avvengano più". I poliziotti della Polizia Postale, affiancati da quelli della Questura di Caltanissetta, attraverso un truck allestito con un’aula didattica, incontreranno studenti, genitori e insegnanti sui temi della sicurezza online con un linguaggio semplice ma esplicito adatto a tutte le fasce di età. In particolare a Gela, quattro Istituti scolastici parteciperanno all’evento con il coinvolgimento di 150 ragazzi di scuole secondarie, di primo e secondo grado (media “Ettore Romagnoli”, media “Giovanni Verga” e la superiore “I.I.S.S. Ettore Majorana”). L’evento è aperto al pubblico avendo la finalità di coinvolgere chiunque fosse interessato a ricevere informazioni sulla tematica in argomento. Negli ultimi anni la Questura di Caltanissetta si è dedicata intensamente alla campagna educazionale e divulgativa, volta a prevenire il cyberbullismo e i reati informatici; in particolare, dal 2012, nel territorio provinciale (comuni di Caltanissetta, Gela, Niscemi, San Cataldo, Serradifalco e Mazzarino) sono stati coinvolti circa 35 Istituti scolastici di ogni ordine e grado, incontrando più di 10.000 tra studenti, insegnanti e genitori. Secondo una ricerca di Skuola.net, realizzata per la Polizia di Stato, su un campione di circa 4.000 studenti di scuole medie e superiori, 2 studenti su 3 affermano che le proprie competenze digital provengono in tutto o quasi da esperienze di apprendimento extra scolastico. Solo l’8% degli intervistati attribuisce alla scuola un ruolo fondamentale nell’alfabetizzazione informatica. I social network infatti sono ormai diventati uno strumento di comunicazione del tutto integrato nella quotidianità dei teenager. La stessa Polizia di Stato, quotidianamente, interagisce con i cittadini attraverso le pagine Facebook dell’Agente Lisa e della Polizia di Stato, nonché con il profilo Twitter istituzionale. Preoccupa in maniera più forte il fenomeno del cyberbullismo: circa 2 ragazzi su 3 ritengono che fenomeni di questo tipo siano in aumento. Infatti la metà di loro ha avuto esperienza diretta o indiretta di fenomeni di questo tipo. Per questo motivo 4 su 5 accoglierebbero con favore incontri con esperti per formare gli studenti all'uso dei social. Negli anni 2014/2015 alla Polizia Postale sono state presentate 520 denuncie (12 per stalking, 113 per diffamazione online, 64 per ingiurie, 66 per minacce, 49 per molestie, 174 per furto d’identità digitale sui social network e 42 per diffusione di materiale pedopornografico) e denunciati 117 minori (26 per diffamazione online, 6 per ingiurie, 16 per minacce, 12 per molestie, 23 per furto d’identità digitale sui social network e 34 per diffusione di materiale pedopornografico). L’intera campagna educativa e le iniziative ad essa connesse sono inoltre condivise sulla pagina Facebook “Una Vita Da Social”, che nel corso dell’ultimo anno, ha raggiunto 700.000 visualizzazioni settimanali sui temi della sicurezza online. All’evento ospitato dalla cittadina gelese, oltre al Dirigente del Commissariato di P.S. di Gela, Dr. Francesco Marino, parteciperà il Questore di Caltanissetta Dr. Bruno Megale e come testimonial della campagna informativa l’attore Angelo Russo, che interpreterà l’Assistente di Polizia “Catarella”, della fortunata serie televisiva “Montalbano”.

Memorial Nuccia Grosso, il 23 aprile serata al teatro "Rosso". Liguori presidente di giuria
News Successiva
Il ritorno dei Merce Fresca. Il 9 aprile al centro "Abbate" debutta "Oggi domani un concorso"

Ti potrebbero interessare

Commenti

I rischi della Rete spiegati ai ragazzi. Nel Nisseno fa tappa il Truck della Polizia Postale

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
Adriano Rabiolo Fisioterapista Caltanissetta