ricerca il tuo profilo
Seguo News
A+
A
A-
Ugl Sicilia: “La riforma degli Ato rifiuti va accelerata”
Cronaca
visite266

Ugl Sicilia: “La riforma degli Ato rifiuti va accelerata”

“Ci stupiamo come mai alla data di oggi non siano state avviate le maestranze al lavoro dell’Ato Alto Belice Ambiente”. A dichiararlo Alessandro Franc...

Redazione
09 Luglio 2015 14:00

“Ci stupiamo come mai alla data di oggi non siano state avviate le maestranze al lavoro dell’Ato Alto Belice Ambiente”. A dichiararlo Alessandro Franchina, dirigente sindacale e componente del direttivo della Federazione Igiene ambientale di Ugl in provincia di Palermo. “Sono trascorsi oramai oltre 6 mesi – aggiunge - dall’inizio di estenuanti e poco produttive trattative sul da farsi ed i lavoratori sono rimasti senza stipendi. Incontri che hanno prodotto solamente impegni e propositi non mantenuti mortificando la dignità dei 260 lavoratori”. “Come Ugl – continua Franchina - auspichiamo di non utilizzare più il condizionale su questa vertenza e che i lavoratori, finalmente, possano, già dal prossimo lunedì, tornare al lavoro, abbandonando definitivamente l’ipotesi del licenziamento collettivo”. Sull’emergenza rifiuti in Sicilia interviene il Responsabile regionale di Ugl Sicilia: “L’Ugl dice basta al massacro sociale in atto nel settore dei rifiuti”. “Non possiamo restare in silenzio – prosegue - rispetto alle centinaia di lavoratori in balia di un perverso meccanismo di gestione della raccolta dei rifiuti nell’Isola. Lavoratori ostaggio della Regione siciliana e dei Comuni che a loro volta si ritrovano a dover garantire il servizio di raccolta e l’igiene pubblica con le risorse che scarseggiano sempre più”. Per il responsabile regionale di Ugl Sicilia: “La vertenza dell’Ato 2 Palermo, ‘Alto Belice Ambiente’, fallito alla fine del 2014, è l’emblema del fallimento della politica del Governo regionale nel settore dei rifiuti”. “Le Società regolamentazione rifiuti (SRR) non sono mai decollate – sostiene Messina - non esiste uno stralcio di riforma ed il debito accumulato dagli Ato in Sicilia supera il miliardo. Un vero e proprio colabrodo – afferma - dove dentro si concentrano responsabilità ad ogni livello. Una situazione insostenibile per le finanze della Regione siciliana, il cui impatto sociale, nel caso di licenziamenti in massa, potrebbe essere devastante”. “L’esecutivo del presidente Crocetta – rilancia il responsabile di Ugl Sicilia - arriva incredibilmente impreparato al prossimo 14 luglio, data in cui scadranno i 18 mesi di proroga della gestione liquidatoria unitaria degli Ato della Sicilia. E dopo? Il nulla, il caos sociale” “Questo è il risultato – conclude Messina - della inadeguatezza del Governo regionale sull’intera vicenda che in piena estate rischia di ricoprire le città siciliane di montagne di rifiuti”. Sulla vertenza lavorativa e politica dei lavoratori dell’Ato Palermo 2 interviene il vice capogruppo all’Ars e Coordinatore provinciale di Forza Italia, Vincenzo Figuccia. “La mancata attuazione della riforma degli SRR – dice l’esponente parlamentare azzurro - ha generato questa condizione di caos con lavoratori licenziati ed altri a forte rischio di perdita del posto di lavoro”. “La riforma va accelerata - sottolinea Figuccia -per tutelare tutti i livelli occupazionali e dare trasparenza alla spesa e certezza al servizio di raccolta dei rifiuti in Sicilia a garanzia della salute dei cittadini”.

Operazione Free Diesel nel Nisseno: Fiamme gialle scoprono maxi truffa per 7 milioni di euro: 636 persone coinvolte
News Successiva
Frana del viadotto A19, il ministro Delrio risponde alla Camera: "I lavori inizieranno ad agosto"

Ti potrebbero interessare

Commenti

Ugl Sicilia: “La riforma degli Ato rifiuti va accelerata”

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852