ricerca il tuo profilo
Seguo News
A+
A
A-
Rivelò piano di morte contro il giudice Tona, lo sfogo di un pentito nisseno: "Minacce e insulti alla mia famiglia"
Cronaca
visite297

Rivelò piano di morte contro il giudice Tona, lo sfogo di un pentito nisseno: "Minacce e insulti alla mia famiglia"

Dal carcere in cui è detenuto, parla di minacce e attentati subiti dalla moglie e dai figlioletti. Emanuele Puzzanghera, il giovane nisseno che dopo u...

Redazione
31 Maggio 2015 09:31

Dal carcere in cui è detenuto, parla di minacce e attentati subiti dalla moglie e dai figlioletti. Emanuele Puzzanghera, il giovane nisseno che dopo un passato giudiziario burrascoso ha deciso di collaborare con la giustizia, denuncia intimidazioni verso i familiari subiti negli ultimi tempi. Uno sfogo che Puzzanghera ha affidato ad una lettera inviata al quotidiano LA SICILIA, nella quale ammette "di aver rovinato la mia vita frequentando persone sbagliate e sono il primo a giudicarmi un fallito perché è così che si diventa quando si infrange la legge e non ho paura a manifestare questo pensiero". E' stato Puzzanghera, alcuni anni fa, a rivelare ai magistrati dell'Antimafia di Caltanissetta il piano di morte che alcuni boss della mafia di Gela avevano ordito contro l'allora Gip di Caltanissetta Giovanbattista Tona, accusato di essere troppo severo nelle condanne emesse. Ma il prezzo pagato dal giovane collaborante sta avendo ripercussioni anche sui familiari: "Quello che non mi va giù - scrive ancora Puzzanghera nella lettera al giornale - è che qualcuno se la prenda con mia moglie, vittima di danneggiamenti di automobili. Per non parlare di alcune persone che assumono atteggiamenti mafiosi e mortificano i miei figli dicendo loro che hanno un padre pentito. I bambini non c'entrano nulla e in confronto ai genitori di alcuni compagni di scuola dei miei figli, mi reputo un padre eccezionale perché certi episodi dimostrano che queste persone non hanno saputo educare i loro figli. Mia cognata - ha aggiunto il pentito - è stata pure picchiata per avere difeso i miei figli che erano stati insultati per strada, mio figlio è stato anche male per tutto questo".

"Mai indagata per false fatture". Parla l'avvocato Lavinia Cordaro: "Nessuna inchiesta su di me a Messina"
News Successiva
Scuola, in Sicilia la campanella tornerà a suonare il 14 settembre. Le lezioni si concluderanno il 9 giugno 2016

Ti potrebbero interessare

Commenti

Rivelò piano di morte contro il giudice Tona, lo sfogo di un pentito nisseno: "Minacce e insulti alla mia famiglia"

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852