ricerca il tuo profilo
Seguo News
A+
A
A-
Proteggere le donne vittime di violenza: iscritta all'albo regionale la casa segreta della cooperativa Etnos
Cronaca
visite223

Proteggere le donne vittime di violenza: iscritta all'albo regionale la casa segreta della cooperativa Etnos

Tutelare le donne vittime di violenza offrendo loro un rifugio sicuro a indirizzo segreto. E’ questo l’intento perseguito dalla cooperativa Etnos che ...

Redazione
22 Dicembre 2015 11:31

Tutelare le donne vittime di violenza offrendo loro un rifugio sicuro a indirizzo segreto. E’ questo l’intento perseguito dalla cooperativa Etnos che da anni è impegnata nei servizi di accoglienza per donne e minori in difficoltà e che oggi, con l’iscrizione all’albo regionale 22/86, si attrezza per garantire una particolare protezione. L’accoglienza è supportata da un’organizzazione costituita da un’equipe altamente specializzata costituita da una psicoterapeuta, una psicologa, educatori e addetti all’infanzia, coordinati dall’assistente sociale dottoressa Rosalba Turrigrossa. Inoltre saranno accompagnate in questo processo di riconoscimento della propria identità, da un orientatore che lavorerà all’esterno in stretta sinergia con lo staff psico-pedagogico. Alcune delle donne, che saranno inserite nella struttura, potranno usufruire di borse lavoro e di opportunità formative utili a ritrovare un equilibrio psico- fisico, fortemente destabilizzato dalle ripetute frustrazioni derivanti dalle violenze, e poter allo stesso tempo ricevere un giusto compenso economico, utile strumento di autonomia. I contesti lavorativi scelti garantiranno alti e opportuni livelli sicurezza per le donne coinvolte. La cooperativa sociale Etnos, che è già iscritta ed accreditata presso il Dipartimento Pari Opportunità al numero verde nazionale del 1522, si è già distinta per l’impegno e l’opera di sensibilizzazione anche per la prevenzione di questa triste piaga sociale, garantendo già dal 2012 assistenza a circa 110 donne sole o con figli, la maggior parte delle quali, al termine del percorso educativo, ha ritrovato il senso della propria vita. La struttura è stata creata grazie all’impiego di risorse umane ed economiche della cooperativa nissena da anni fortemente attiva nel sostegno alle fasce più deboli della popolazione. Grazie alla stretta collaborazione con le autorità giudiziarie, di polizia, ai servizi sociali e le associazioni del territorio che rientrano nel coordinamento contro la violenza sulle donne di Caltanissetta, è stato possibile questo risultato che rappresenta certamente un ulteriore strumento di crescita civica del nostro territorio.

Comunità alloggio per minori, l'assessore regionale Micciché stanzia 8 milioni di euro. Firmati i mandati di pagamento ai Comuni
News Successiva
Prevenzione del crimine a Caltanissetta: le volanti della Polizia controllano persone e mezzi

Ti potrebbero interessare

Commenti

Proteggere le donne vittime di violenza: iscritta all'albo regionale la casa segreta della cooperativa Etnos

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852