ricerca il tuo profilo
Seguo News
A+
A
A-
"No al discorso del sindaco". Il rigido cerimoniale del Quirinale "stronca" Ruvolo che consegna le sue parole a Mattarella
Cronaca
visite74

"No al discorso del sindaco". Il rigido cerimoniale del Quirinale "stronca" Ruvolo che consegna le sue parole a Mattarella

FOTO DI CAMILLO CAMPISI I tempi stretti legati alla visita del Capo dello Stato a Caltanissetta hanno imposto stravolgimenti negli eventi legati alle...

Redazione
26 Settembre 2015 06:05

FOTO DI CAMILLO CAMPISI I tempi stretti legati alla visita del Capo dello Stato a Caltanissetta hanno imposto stravolgimenti negli eventi legati alle due cerimonie svoltesi al Palazzo di Giustizia e al cimitero dei carusi di Gessolungo. Le rigide imposizioni da parte dell'ufficio cerimoniale del Quirinale, infatti, hanno impedito al sindaco Giovanni Ruvolo di leggere il discorso programmato al sacrario dei minatori. Ruvolo ha comunque consegnato al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella il testo del suo intervento, che pubblichiamo integralmente. "Signor Presidente, è con sincera e viva commozione che condividiamo con Lei il forte simbolismo di questo luogo, ricco di storie e di valori, ma anche di sofferenza e tribolazione. Qui, in questo monumento che ricorda il sacrificio dei nostri Carusi, ritroviamo la Sicilia, terra di grande energia e di dolore per quel che poteva essere e non è stato. Proprio come le giovani vite spezzate in tenerissima età nelle miniere, oggi più che mai la Sicilia ha bisogno di mani sicure e amorevoli che se ne prendano cura per garantirle un avvenire meno precario e incerto di quello presente. Avvertiamo forte un desiderio di speranza che attraversi tutta l’Isola e in modo ancora più pregnante queste zone del nisseno, anche nel sottosuolo ricche di storia e di meraviglia. Non chiediamo nulla più di quanto ci spetta: vogliamo solo gambe solide per correre e prendere in mano finalmente il nostro destino nella legalità, rigettando ogni cinica violenza e sopraffazione che portano solo miseria e povertà. Non evochiamo né favoritismi né piagnistei, auspichiamo solo le stesse opportunità di tanti altri luoghi dell’Italia, una e indivisibile. La Sua Presenza in questa terra, Signor Presidente, è la migliore garanzia per dare coraggio ai tanti, soprattutto giovani, che talvolta si lasciano sopraffare dallo scoramento: a loro va detto, con voce sicura, che solo uniti possiamo farcela a risalire la china, a trasformare le difficoltà in opportunità, a continuare a credere che un futuro di libertà dal bisogno è ancora possibile. Abbiamo le risorse morali, le intelligenze, la forza per farlo ma occorre scrivere una nuova pagina in cui i cittadini, quelli autenticamente liberi e forti, siano messi in condizione di partecipare e sottoscrivere un nuovo Patto di fiducia con lo Stato nelle sue varie articolazioni. Certo, spetta a noi fare il primo passo. La presenza qui di tutti i sindaci è la testimonianza concreta di voler fare sistema, superando le vecchie logiche dell’individualismo e del campanilismo perché crediamo fermamente nella Sua sperimentata sensibilità; nel grande sentimento di amore che Lei ha sempre mostrato per questi territori che hanno ripreso a camminare e, ora, vogliono rimanere agganciati a un’Europa segnata dalle veloci trasformazioni di questo nostro tempo. Siamo territorio di frontiera, signor Presidente: lo siamo in tutti i sensi, non solo perché qui accogliamo le migliaia di profughi che ogni giorno transitano da questo Centro del Mediterraneo, ma per il miscuglio di sensibilità e interessi contrastanti che qui convivono. Lo siamo ancora di più, a Caltanissetta, cuore pulsante di questa Isola che per le sue talvolta amare contraddizioni, è tutto e niente contemporaneamente. Ma è qui la nostra vita; la consapevole fiducia e la ragionevole speranza di chi crede che studiando, lavorando e crescendo, nel segno dell’Innovazione e del Merito, si possa realizzare un autentico sviluppo e il vero cambiamento: perché se cambia la Sicilia, cambia l’Italia intera. Noi ci siamo!" Caltanissetta, venerdì 25 settembre 2015

Piano sanitario, contrario l'Ordine dei Medici di Caltanissetta. D'Ippolito: “I tagli d'organico penalizzanti per il personale e la popolazione”
News Successiva
"Presidente Mattarella, Caltanissetta ha voglia di rialzarsi". LE FOTO DELLA GIORNATA

Ti potrebbero interessare

Commenti

"No al discorso del sindaco". Il rigido cerimoniale del Quirinale "stronca" Ruvolo che consegna le sue parole a Mattarella

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
Adriano Rabiolo Fisioterapista Caltanissetta