Seguo News
A+
A
A-
Lo sfogo di Miele, tra confusione e voglia di chiarezza: "Fiera di ciò che ho fatto, contraria alla soluzione trovata"
Cronaca
Visite1

Lo sfogo di Miele, tra confusione e voglia di chiarezza: "Fiera di ciò che ho fatto, contraria alla soluzione trovata"

“Innanzitutto sto bene anche se non nascondo di essere confusa, visto che è successa la cosa più improbabile. Ad un certo punto però mi sono soffermat...

Redazione
12 Febbraio 2016 11:30

“Innanzitutto sto bene anche se non nascondo di essere confusa, visto che è successa la cosa più improbabile. Ad un certo punto però mi sono soffermata su quanto contava. Sono salita sul quel palco, mi sono emozionata e divertita. Sono fiera di quello che ho fatto e questa cosa deve restare nella mia testa”. Sono le prime parole di Miele, la giovane cantante di Caltanissetta prima ammessa e poi estromessa dalla finale di questa sera della categoria ‘Giovani’ del Festival di Sanremo che, comunque, vuole fare un po’ di chiarezza e giustizia su quanto è successo: “Non sono d’accordo sulla soluzione trovata ma tengo a sottolineare che Francesco è un grande artista ed io lo stimo tanto. Lui si merita di essere stasera su quel palco, dove noi saliamo solo per fare musica. Noi siamo vittime per un qualcosa che non è dipeso da noi. Oggi voglio comunque sorridere ed attendo chiarezza”. Dalle 11 è in corso una riunione al vertice dell'Organizzazione con i legali: la decisione in merito alla riammissione o no della cantautrice nissena in gara verrà comunicata nel pomeriggio.

Svanisce il sogno di Miele, non riammessa alla finale. Stasera canterà all'Ariston come ospite
News Successiva
Bufera sul Festival. Area Sanremo si schiera con Miele: chiesta alla Rai una finale a 5 per i giovani

Ti potrebbero interessare

Commenti

Lo sfogo di Miele, tra confusione e voglia di chiarezza: "Fiera di ciò che ho fatto, contraria alla soluzione trovata"

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013. Direttore responsabile: Rita Cinardi.