ricerca il tuo profilo
Seguo News
A+
A
A-
La "sprecopoli" degli impianti sportivi a Caltanissetta. Denuncia della quinta Commissione: "Soldi a vuoto per strutture fuoriuso"
Cronaca
visite75

La "sprecopoli" degli impianti sportivi a Caltanissetta. Denuncia della quinta Commissione: "Soldi a vuoto per strutture fuoriuso"

Alcune migliaia di euro spese dal Comune in utenze di acqua e luce per impianti sportivi chiusi, inutilizzati e senza i relativi allacci, come nel cas...

Redazione
19 Giugno 2015 15:52

La "sprecopoli" degli impianti sportivi a Caltanissetta. Denuncia della quinta Commissione: "Soldi a vuoto per strutture fuoriuso" Alcune migliaia di euro spese dal Comune in utenze di acqua e luce per impianti sportivi chiusi, inutilizzati e senza i relativi allacci, come nel caso della Pista di pattinaggio di via Rochester, ovvero aperti, ma i cui consumi risultano eccessivi. E’ lo strano caso scoperto da sei consiglieri della Commissione cultura, sport e politiche sociali, presieduta dal consigliere comunale Francesco Dolce. Potenziali sprechi che sei componenti della quinta Commissione vogliono approfondire e che hanno elencato in un’interrogazione rivolta all’Amministrazione Ruvolo "affinchè si individuino eventuali responsabili e soprattutto si verifichi se tali incongruenze si siano verificate anche negli anni passati". Caso clamoroso quello della pista di pattinaggio. Struttura chiusa, in stato di semi abbandono che “fattura” consumi per migliaia di euro di luce e acqua sebbene non vi sia traccia di allacci alla rete idrica funzionanti o di quadri elettrici attivi. Francesco Dolce I Consiglieri Comunali Francesco Dolce, Lorenzo La Rocca, Gianluca Bruzzaniti, Oriana Mannella Manuela Margherita e Alessandro Maira hanno depositato oggi un’interrogazione con la quale chiedono al sindaco Ruvolo e alla Giunta le motivazioni che hanno portato la stessa, nell’anno 2014, a sostenere enormi costi per le utenze relative all’utilizzo di alcuni impianti sportivi. “I Consiglieri ritengono opportuno segnalare all’esecutivo questo spreco, affinchè si possa intervenire con urgenza per risparmiare risorse che potrebbero essere destinate ad altri scopi”. I sei consiglieri comunali chiedono informazioni sulla pista di pattinaggio e sullo stadio Tomaselli e nello specifico, sulla base dell’esame dei consumi riferibili all’anno 2014, i consiglieri evidenziano "che nonostante la Pista di pattinaggio risulti inutilizzata da anni e solo saltuariamente sia stata aperta per la colonia estiva organizzata dalla Parrocchia di S Pio X, nonostante l’assenza di qualsiasi utenza (luce, acqua, gas) e la relativa inagibilità dello stesso, nel quadro delle spese sostenute nel corso dell’anno ingresso-Pian-del-Lago-22014, si evincono costi per l’utenza Acqua pari a 4 mila 880 euro in un anno e per l’utenza elettrica di mille e 576 euro". In attesa di potere riattivare la pista, la commissione cultura, sport e politiche sociali, propone di sospendere le utenze e chiede di conoscere nel dettaglio se fossero attive negli anni precedenti, nello specifico dall’anno 2010 all’anno 2013, e quante risorse siano state eventualmente impegnate per un impianto che comunque risultava non utilizzato. I sei consiglieri comunali chiedono inoltre di appurare le eventuali responsabilità di chi avrebbe dovuto avere il compito di vigilare per evitare un aggravio di spese inutili a carico delle casse comunali. “Le utenze idriche dell’impianto “Marco Tomaselli”, dall’esame degli atti, risultano eccessive se paragonate alla media degli altri impianti (ad esempio, nello stesso anno, per il “Palmintelli” sono stati spesi soltanto 3.600 euro) e nel dettaglio per i consumi di acqua dello stadio Tomaselli sono stati pesi 51 mila euro nel 2014”. Dolce, Bruzzaniti, La Rocca, Maira, Mannella e Margherita chiedono pertanto “di approntare uno storico dei consumi di acqua del quadriennio 2010-2013, al fine di comprendere se i 51.000 euro spesi nel 2014 possano essere ritenuti nella norma. Qualora dovesse invece trattarsi di una cifra eccessiva e non giustificata, chiedono all’amministrazione di intervenire immediatamente al fine di porre sotto controllo tale utenza”. Inoltre i sei consiglieri rilevano che gli impianti “Tomaselli”, “M.Cannavò” e “Palacannizzaro”, per quanto attiene alla fornitura di energia elettrica, sono forniti di un unico quadro elettrico ed il consumo viene pertanto calcolato in maniera onnicomprensiva per tutte e tre le strutture, con una spesa complessiva di  44.853,37 euro. La commissione consiliare, in vista di un possibile affidamento di alcune di queste strutture a federazioni e associazioni sportive, chiede all’amministrazione “di valutare, in tempi brevi, la possibilità di creare dei contatori singoli (annullando il quadro comune), per separare il conteggio dei consumi ed eliminare inconvenienti che possano ripercuotersi su tutti e tre gli impianti, come già accaduto nel recente passato”.

Rapina strampalata nel Nisseno. È in banca, ma prende i soldi di un cliente in fila allo sportello
News Successiva
Autovelox non revisionati? Le multe sono illegittime e da annullare: lo dice la Corte Costituzionale

Ti potrebbero interessare

Commenti

La "sprecopoli" degli impianti sportivi a Caltanissetta. Denuncia della quinta Commissione: "Soldi a vuoto per strutture fuoriuso"

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
Adriano Rabiolo Fisioterapista Caltanissetta