Seguo News
A+
A
A-
Immigrazione. Smantellata tendopoli abusiva a Pian del Lago: quindici profughi dormivano sotto il cavalcavia
Cronaca
Visite3

Immigrazione. Smantellata tendopoli abusiva a Pian del Lago: quindici profughi dormivano sotto il cavalcavia

L'ennesima tendopoli abusiva creata da un gruppo di stranieri attorno al centro di accoglienza di Pian del Lago è stata sgombrata questa mattina a Cal...

Redazione
02 Luglio 2015 08:55

L'ennesima tendopoli abusiva creata da un gruppo di stranieri attorno al centro di accoglienza di Pian del Lago è stata sgombrata questa mattina a Caltanissetta. La baraccopoli non autorizzata era stata allestita in un'area privata sotto i piloni dell'imponente cavalcavia che costeggiano la strada provinciale 5. Ad abitare da settimane nelle quattro tende una quindicina di richiedenti asilo politico - tutti magrebini - in attesa da mesi di entrare nel Cara (dove attualmente non ci sono posti disponibili) e che oggi sono stati allontanati durante l'intervento dei poliziotti dell'ufficio Immigrazione, affiancati dai carabinieri e dalla Polizia Municipale e dai vigili del fuoco nelle operazioni di sgombero della tendopoli fuorilegge che sono state coordinate di raccordo con la Prefettura. Sono stati rimossi anche cumuli di sporcizia ammassati nel sito dai profughi accampati, i quali sono stati identificati e fotosegnalati dalla Polizia Scientifica prima di varcare l'ingresso del centro ed essere quindi ascoltati dai componenti della Commissione prefettizia territoriale che dovrà pronunciarsi sulle rispettive tipologie di protezione e accoglienza. FOTO ARCHIVIO

Villa Monica ancora chiusa, promesse dell’assessore non mantenute. Dura critica della terza commissione
News Successiva
Capitale italiana della cultura: Caltanissetta non è tra le finaliste

Ti potrebbero interessare

Commenti

Immigrazione. Smantellata tendopoli abusiva a Pian del Lago: quindici profughi dormivano sotto il cavalcavia

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013. Direttore responsabile: Rita Cinardi.