ricerca il tuo profilo
Seguo News
A+
A
A-
Il giallo di Santa Barbara, i figli di Nunzia La Mendola non credono all'incidente: "Quella notte c'era qualcuno in casa"
Cronaca
visite246

Il giallo di Santa Barbara, i figli di Nunzia La Mendola non credono all'incidente: "Quella notte c'era qualcuno in casa"

I soccorritori sul tetto dove è stato rinvenuto il cadavere All'incidente, e meno che mai al suicidio, loro non ci credono. No, la pista della fatal...

Redazione
31 Luglio 2015 15:57

I soccorritori sul tetto dove è stato rinvenuto il cadavere All'incidente, e meno che mai al suicidio, loro non ci credono. No, la pista della fatalità o del dramma personale sono tesi che rifiutano i sei figli di Nunzia La Mendola, la pensionata nissena di 83 anni misteriosamente morta all'alba del 18 gennaio scorso e ritrovata senza vita sul tetto di un'abitazione sottostante. Un volo fatale dal terzo piano del suo appartamento di una palazzina popolare al civico 2 di Piazza Sabucina, al villaggio Santa Barbara. Ma adesso, a distanza di sette mesi da quella morte sulla quale aleggiano mille e più interrogativi, i sei figli della pensionata rompono il silenzio e chiedono alla Procura di approfondire tutti i risvolti di questa storia. Già, perché i familiari ritengono che forse frettolosamente il caso sia stato classificato come un incidente o che Nunzia La Mendola si sia deliberatamente gettata dalla finestra del bagno. Ma invece i figli dell'ottantenne rilanciano, chiedendo a chi indaga - Procura e Squadra Mobile - a che punto sono le indagini. Anzi, rilanciano il teorema che la loro madre sia stata uccisa. Che quella maledetta notte, insomma, non fosse da sola in casa. Che qualcuno, invece, l'abbia presa con la forza buttandola dopo aver rovistato nelle stanze, alcune delle quali ritrovate in disordine dagli investigatori della sezione Omicidi. L'ingresso secondario alla palazzina di piazza Sabucina E in una nota inviata alla nostra redazione, i figli della vedova Monachello, avanzano dubbi e solleticano indizi, ma invocano anche giustizia e verità. "Il 19 Gennaio scorso nostra mamma, Nunzia La Mendola, è morta in circostanze misteriose nella sua abitazione nel villaggio Santa Barbara. Alle prime luci dell’alba è stata rinvenuta cadavere sul tetto di un garage sotto la sua abitazione, dopo un volo dal terzo piano della palazzina dove abitava. Le circostanze dell’accaduto, che inizialmente era stato, inspiegabilmente, catalogato come incidente, facevano emergere invece particolari i quali fanno pensare che all’interno dell’abitazione di nostra mamma, quella notte, sia accaduto qualcosa che merita una particolare attenzione da parte delle autorità deputate alla tutela ed alla sicurezza pubblica". C'era davvero qualcuno nell'appartamento di Nunzia La Mendola? E' probabile che la donna, svegliata nel sonno dalla presenza di estranei, abbia scoperto un ladro che frugava nella sua abitazione e che, temendo di essere riconosciuto, l'abbia scaraventata dalla finestra? Ne sono più convinti i figli della pensionata: "Vi sono elementi, portati a conoscenza degli organi inquirenti, che portano a ritenere che presso l’abitazione di nostra mamma nelle prime ore dell’alba e antecedenti il fatto erano presenti più soggetti, come detto all’interno dell’appartamento. Di lì a poco il tragico evento che riteniamo, a rigor di logica, essere stato commesso dalle persone presenti all’interno della casa. Non vogliamo scendere in ulteriori particolari poiché vi sono delle indagini in corso - aggiungono i figli di Nunzia La Mendola -. A tutt’oggi però, a distanza di sette mesi dai fatti, niente e nulla sappiamo del corso delle indagini. Il fatto che nostra mamma avesse 83 anni non sminuisce affatto il nostro dolore, reso ancora più lacerante dal dubbio che possa essere stata barbaramente uccisa da soggetti senza umanità che circolano ancora liberamente. Chiediamo, inoltre, a chi eventualmente sa qualcosa ed ha taciuto per timore di ritorsioni, di comunicarlo telefonicamente agli uffici di Polizia o a qualcuno di noi, anche in forma anonima".

Immigrati accampati negli impianti sportivi di Pian del Lago. La Prefettura fa sgomberare i campi abusivi
News Successiva
Tra pressing e "traccheggi", l'esperto di Ruvolo si riduce il compenso. Il sindaco: "Molino ha mostrato sensibilità"

Ti potrebbero interessare

Commenti

Il giallo di Santa Barbara, i figli di Nunzia La Mendola non credono all'incidente: "Quella notte c'era qualcuno in casa"

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852