ricerca il tuo profilo
Seguo News
A+
A
A-
Giovani medici a Mattarella e Renzi: “Commissariate la Nostra Sicilia”
Cronaca
visite258

Giovani medici a Mattarella e Renzi: “Commissariate la Nostra Sicilia”

“Consci che le scelte di oggi ricadranno sulle generazioni presenti e future, oggi, come concreto segnale di speranza per i cittadini ed i professioni...

Redazione
09 Luglio 2015 17:05

“Consci che le scelte di oggi ricadranno sulle generazioni presenti e future, oggi, come concreto segnale di speranza per i cittadini ed i professionisti della sanità siciliana, chiediamo di volere adoperarsi e procedere con l’immediato commissariamento della Regione Siciliana con particolare riferimento al comparto della sanità”. E’ questo l’appello rivolto da un centinaio di Giovani Medici e Professionisti Sanitari siciliani al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al presidente del Consiglio Matteo Renzi ed al Ministro della Salute a seguito delle recenti vicende che hanno portato alle dimissioni dell’Assessore Borsellino dal Governo della Regione Siciliana. Una lettera alla quale è seguita una petizione sul web aperta a tutti gli operatori della sanità siciliana in modo che la voce risuoni fino a Roma alta e autorevole. Chi conosce il sistema, lo vive ogni giorno da quando, da studente, sognava di indossare il camice, comprende che “qualcosa non va” ma, invece di restare inerme ad attendere, si arma di carta, penna e di canali telematici per poter combattere per il bene della propria isola, dei pazienti che, seguendo l’esempio di Ippocrate, ha giurato di curare e per far sì che la meritocrazia non resti un ideale irraggiungibile ma una realtà concreta e attuale. Una lettera firmata anche da giovani medici nisseni che, come ha spiegato il dottor Filippo Narese, tra i promotori della lettera, necessita di una risposta urgente ma soprattutto di fatti concreti che vadano oltre i proclami politici. “L’esperienza dimostra come non basti portare ai vertici del sistema una persona di specchiata professionalità e profonda integrità umana e morale per segnare una definiva inversione di tendenza nelle politiche sanitarie, laddove, di contro, vengano al contempo posti negli snodi del sistema salute degli interlocutori inclini a soddisfare l’interesse di parte e non quello della collettività. La classe dirigente, che ad oggi ha governato la sanità siciliana ha dimostrato, inesorabilmente, i suoi limiti”. “La persistente adozione di iniziative di parte, a discapito delle politiche di pianificazione e di programmazione in tema di sanità e salute, nonostante gli sforzi nel segno della discontinuità prodotti da qualche singolo politico “illuminato”, ha alimentato un cortocircuito tale da condizionare le scelte non più in base alle capacità e competenze dei professionisti ed alla tutela del diritto alla salute dei cittadini, bensì in funzione dell’obiettivo preminente di alimentare clientele funzionali ad interessi esterni, per non dire configgenti con le esigenze dei portatori di interesse”.

In vacanza con il marito separato, niente stop al divorzio. Sentenza del Tribunale di Caltanissetta per una coppia
News Successiva
Operazione Free Diesel nel Nisseno: Fiamme gialle scoprono maxi truffa per 7 milioni di euro: 636 persone coinvolte

Ti potrebbero interessare

Commenti

Giovani medici a Mattarella e Renzi: “Commissariate la Nostra Sicilia”

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852