ricerca il tuo profilo
Seguo News
A+
A
A-
Formazione, sindacati criticano il sindaco Ruvolo: "Niente spot con i problemi dei lavoratori"
Cronaca
visite325

Formazione, sindacati criticano il sindaco Ruvolo: "Niente spot con i problemi dei lavoratori"

I Segretari Generali Confederali CGIL CISL UIL Caltanissetta, Ignazio Giudice, Emanuele Gallo e Vincenzo Mudaro in merito all’assemblea indetta d...

Redazione
25 Giugno 2016 10:25

I Segretari Generali Confederali CGIL CISL UIL Caltanissetta, Ignazio Giudice, Emanuele Gallo e Vincenzo Mudaro in merito all’assemblea indetta dal Sindaco Giovanni Ruvolo sulle problematiche legate al settore della formazione professionale, alla quale ha partecipato l’assessore alla formazione del Governo Crocetta, Bruno Marziano, sottolineano come un problema così delicato non può e non deve essere affrontato e liquidato come uno spot. “I lavoratori del settore della formazione, ormai ex, ormai da anni attendono risposte concrete e ricordiamo che solo in questa provincia sono stati licenziati circa ottocento operatori tra orbitanti nei servizi formativi. Dispiace assistere allo stupore di alcuni Sindaci che solo oggi, a distanza di tre anni, si accorgono della macelleria sociale (termine molto caro al nostro Presidente ed ai suoi Assessori ) che è stata compiuta in questo settore, poiché per punire gli enti sono stati licenziati i lavoratori", dicono i tre sindacalisti. "CGIL CISL UIL da anni sostengono la creazione di adeguati e rigidi sistemi di controllo in grado di verificare il flusso della spesa pubblica al fine di evitare l’arricchimento illecito dei gestori degli enti a danno della pubblica amministrazione e degli stessi dipendenti non stipendiati da anni, ma le stesse organizzazioni sindacali ricordano pubblicamente che la legalità’ non ha 2 velocità, essendo un valore ne ha una: è illegale fregarsi i soldi della formazione ed è illegale non pagare le retribuzione ai lavoratori, ciò che è accaduto", aggiungono Giudice, Gallo e Mudaro. "Per l’ennesima volta abbiamo assistito ai proclami di un assessore ignaro di ciò che è stato fatto dai suoi predecessori che sostiene a parole che entro la fine di ottobre tra prepensionamento avvio avviso 8, avviso 4, avvio attività ex cefop oggi cerf e le attività legate ai servizi formativi il settore risorgerà e tutti i lavoratori inseriti nell’albo potranno tranquillamente tornare a lavoro. CGIL CISL UIL invitano la politica alla prudenza negli annunci poichè i destinatari degli stessi sono sempre più sconfortati". Secondo i tre esponenti sindacali "in un settore che impegnava più di ottomila lavoratori oggi più della metta sono stati licenziati e di quelli che rimangono nel bacino il più fortunato deve percepire più di 15 mensilità arretrate. CGIL CISL rimangono sempre disponibili al confronto e si augurano che quanto comunicato dall’assessore si avveri e si possa ridare serenità e prospettiva a un settore strategico per la Sicilia, da lì, insieme alle scuole si formano i nuovi cittadini”.

Precari enti locali ed ex Province sul piede di guerra. Il 30 giugno manifestazione a Palermo
News Successiva
Cinema. Cortometraggio dell'Esercito Italiano in gara al Kalat Nissa Film Festival di luglio

Ti potrebbero interessare

Commenti

Formazione, sindacati criticano il sindaco Ruvolo: "Niente spot con i problemi dei lavoratori"

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852