Seguo News
A+
A
A-
"Compra" Iphone 6 a sua insaputa, donna di Caltanissetta raggirata da una banda. Quattro persone denunciate dai carabinieri
Cronaca
Visite1

"Compra" Iphone 6 a sua insaputa, donna di Caltanissetta raggirata da una banda. Quattro persone denunciate dai carabinieri

Aveva comprato uno smartphone di ultima generazione, ma a sua insaputa. Una vicenda dal sapore "scajolano" quella che ha visto protagonista una donna ...

Redazione
06 Giugno 2015 15:14

Aveva comprato uno smartphone di ultima generazione, ma a sua insaputa. Una vicenda dal sapore "scajolano" quella che ha visto protagonista una donna di Caltanissetta, raggirata da una banda di quattro persone che avevano usato documenti di identità e buste paga della vittima per comprare un Iphone 6 da 600 euro in un negozio di elettrodomestici di Caltanissetta. I quattro denunciati per truffa sono G. D. di45 anni, C. G. di 30 anni, G. C. di 28 anni e B. E. di 35 anni, che sono stati incastrati dai carabinieri della Stazione di Caltanissetta alla quale s'era rivolta la donna che lo scorso ottobre aveva denunciato di essere al centro di una truffa nel momento in cui si vedeva recapitare a casa numerosi solleciti di pagamento da parte della finanziaria che aveva accordato il credito a suo nome. E da una serie di accertamenti incrociati, è emerso un imbroglio architettato dalla "cricca" di Caltanissetta che peraltro a turno utilizzavano lo smartphone come risultato dall'inserimento delle rispettive schede. FOTO ARCHIVIO

"Sarà creato un registro regionale per la sclerosi multipla". Annuncio del governo Crocetta al convegno Aism a Caltanissetta
News Successiva
Trivelle sulle coste della provincia nissena, gli ambientalisti non ci stanno. Ricorso contro le piattaforme off-shore

Ti potrebbero interessare

Commenti

"Compra" Iphone 6 a sua insaputa, donna di Caltanissetta raggirata da una banda. Quattro persone denunciate dai carabinieri

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013. Direttore responsabile: Rita Cinardi.