Seguo News
A+
A
A-
Autostrada Palermo-Catania, la Protezione Civile assicura: "La bretella aprirà il 10 novembre"
Cronaca
Visite3

Autostrada Palermo-Catania, la Protezione Civile assicura: "La bretella aprirà il 10 novembre"

Il 10 novembre sarà pronta la bretella che dovrà ridurre le conseguenze del tappo dell'autostrada Palermo-Catania. Dopo la riunione con la commissione...

Redazione
02 Novembre 2015 17:19

Il 10 novembre sarà pronta la bretella che dovrà ridurre le conseguenze del tappo dell'autostrada Palermo-Catania. Dopo la riunione con la commissione verifica, Calogero Foti, capo della Protezione civile regionale, ha ribadito che i tempi di consegna della bretella e dell'innesco in autostrada saranno rispettati. «In una prima fase si era pensato che il transito alle auto potesse essere aperto tra il 7 e l' 8 novembre - dice Calogero Foti -. Ci sarà un piccolo ritardo. E il 10 la bretella potrebbe essere aperta. Ma tutto dipende dal maltempo. Se dovesse piovere abbondantemente, sarebbe difficile eseguire i lavori, potrebbe esserci qualche giorno di ritardo». A quasi sette mesi dal cedimento del viadotto Himera a causa della frana di Caltavuturo potrebbe finalmente finire un primo incubo per gli automobilisti, gli autotrasportatori e le autolinee costretti a lunghi giri tra le Madonie o per la Palermo-Messina. Il 10 aprile si è verificato il cedimento. Il 10 agosto erano iniziati i lavori per realizzare un bypass che consentirà di rientrare in autostrada subito dopo l'interruzione a Scillato.

Senza patente, assicurazione e targa. Nisseno col "vizietto" denunciato dai poliziotti della sezione Volanti
News Successiva
Detenzione di armi, termini scaduti per certificare l'idoneità psicofisica. La Questura di Caltanissetta: "Ecco cosa fare"

Ti potrebbero interessare

Commenti

Autostrada Palermo-Catania, la Protezione Civile assicura: "La bretella aprirà il 10 novembre"

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013. Direttore responsabile: Rita Cinardi.