Seguo News
A+
A
A-
Attentato contro società multiservizi del Nisseno. Bruciati tre mezzi: caccia al commando
Cronaca
Visite1

Attentato contro società multiservizi del Nisseno. Bruciati tre mezzi: caccia al commando

Gesto intimidatorio a Gela ai danni della Ghelas Multiservizi, una societa' partecipata del comune che si occupa di manutenzione, servizi amministrati...

Redazione
15 Giugno 2016 09:41

Gesto intimidatorio a Gela ai danni della Ghelas Multiservizi, una societa' partecipata del comune che si occupa di manutenzione, servizi amministrativi e sociali. Ignoti hanno appiccato il fuoco a tre mezzi appartenenti alla societa', parcheggiati nel piazzale dell'azienda, in via Marsala. In fiamme un camion con cestello elevatore e a due motocarri Ape Piaggio. I carabinieri, che indagano sull'episodio, stanno vagliando le immagini del sistema di videosorveglianza di cui la societa' e' dotato. Non e' la prima volta che la societa' partecipata del comune subisce danneggiamenti. "Quanto successo - ha detto il sindaco, Domenico Messinese - non e' soltanto un mero danno materiale alla collettivita', ma e' la metafora di una coscienza civica incenerita dalla spocchia e dall'inferiorita' umana di chi vorrebbe trascinare con se' tutta una citta' dentro il baratro dell'inconsistenza morale. Confido nel lavoro degli inquirenti - ha proseguito - affinche' siano individuati e puniti i responsabili. Quest'azione indegna, oltre che sui contribuenti, avra' ripercussioni sulla mole di servizi per il decoro urbano che abbiamo attivato in vista dell'imminente stagione estiva".

I depistaggi di via D'Amelio, nuovo giallo al processo di Caltanissetta. Spuntano "confidenze" di un poliziotto
News Successiva
Caltanissetta. Incidente sulla Ss 640, camion si ribalta: salvo l'autotrasportatore

Ti potrebbero interessare

Commenti

Attentato contro società multiservizi del Nisseno. Bruciati tre mezzi: caccia al commando

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013. Direttore responsabile: Rita Cinardi.