ricerca il tuo profilo
Seguo News
A+
A
A-
Associazione Sant'Agata a Caltanissetta: “Raccogliamo beni di prima necessità per i bambini"
Cronaca
visite230

Associazione Sant'Agata a Caltanissetta: “Raccogliamo beni di prima necessità per i bambini"

Dedicare il proprio impegno ed energie per aiutare i bambini bisognosi e le loro famiglie: un obiettivo che si è prefissata l’associazione Sant’Agata ...

Redazione
05 Giugno 2015 10:03

Dedicare il proprio impegno ed energie per aiutare i bambini bisognosi e le loro famiglie: un obiettivo che si è prefissata l’associazione Sant’Agata e che oggi, a distanza di un anno, può iniziare a guardare i frutti che sono stati già realizzati. Il gruppo, che milita nella parrocchia di Sant’Agata a Caltanissetta, è composto da 12 zelanti volontari che, sotto la guida del parroco padre Sergio Kalizak, cercano di aiutare chi non riesce a garantire ai propri figli i beni di prima necessità. “I bambini hanno delle esigenze maggiori rispetto agli adulti, soprattutto al di sotto dei tre anni – ha commentato la referente dell’associazione Agata Scancarello – ed è per questo motivo che ci attiviamo innanzi tutto per aiutare i piccoli al di sotto dei 10 anni”. Tra le attività organizzate dall’associazione c’è la sensibilizzazione dei cittadini – parrocchiani ma non solo – affinché possano contribuire alla raccolta e garantire un aiuto concreto a chi viene a bussare alle porte della chiesa. “Il nostro impegno inizia quando il bambino è ancora nella pancia ed è per questo che, con l’aiuto delle donazioni volontarie, riusciamo a dare alle donne una borsa con tutto ciò che occorre in sala parto: dalle garze ombelicali al primo pannolino al vestitino da far indossare”. Porte aperte, dunque, per tutti coloro i quali vogliono aiutare con beni di prima necessità tra i quali latte, vestiti, calzature, parafarmaci e farmaci, pannolini, omogeneizzati per i bebé; merende confezionate o pasta per i più grandi; cibi speciali per chi ha particolari intolleranze come quelle al glutine. E, come si vede dalla foto scattata al parroco nella sala adibita a magazzino dell’associazione, i primi risultati si stanno cominciando a vedere ma tutto questo non basta a garantire il fabbisogno giornaliero delle famiglie. Quello dell’associazione Sant’Agata è un team affiatato che, in silenzio, lavora per il bene dei cittadini e in sinergia con gli altri gruppi esistenti in città. “Cerchiamo di lavorare, qualora fosse possibile, suddividendoci l’impegno volontaristico in quartieri o per associazioni” ha continuato la referente dell’associazione Sant’Agata che rimane in contatto con altre associazioni, come “Mamme in rete” operante nel quartiere San Luca, la “Caritas” e “Allattamore”. Con quest’ultima oggi ha organizzato un incontro per promuovere l’importanza dell’allattamento al seno come nutrimento fondamentale per il bambino da preferire al latte artificiale. La presidentessa di Allattamore, Gaia Gerbino, ha accolto questa mattina nei locali della parrocchia alcune gestanti spiegando loro non soltanto l’importanza del latte materno come nutrimento ma anche il supporto psicologico e il cameratismo che necessita alle neomamme soprattutto se alla prima esperienza. “Quello che svolgiamo a Sant’Agata – hanno raccontato i volontari – è un servizio che arricchisce innanzi tutto noi volontari”. L’associazione, nel raccontare le attività svolte durante quest’ultimo anno, vuole sottolineare un particolare ringraziamento all’arma dei carabinieri, che ha devoluto l’incasso di un torneo tenuto lo scorso settembre all’associazione parrocchiale; i pediatri che, con il loro impegno quotidiano, invitano i genitori bisognosi ad appoggiarsi all’associazione e offrono un aiuto concreto alle famiglie che si affidano all’associazione e gli esercenti che la sera devolvono gratuitamente generi alimentari invenduti ma ancora buoni per essere mangiati. Alcune donne,inoltre, hanno creato un vero e proprio laboratorio tra le mura domestiche per donare il ricavato all’associazione. ””Invitiamo tutti coloro possono e desiderano offrire il proprio contributo - sia esso caratterizzato da tempo, denaro o beni materiali - a contattarci in parrocchia” ha concluso padre Kalizak.

Caltanissetta più attrattiva di Catania e Palermo? Lo dice una indagine Assirm, città metropolitane in coda
News Successiva
La "marcia" su piazza Garibaldi contro la scuola di Renzi. Oggi a Caltanissetta la protesta di prof e sindacati

Ti potrebbero interessare

Commenti

Associazione Sant'Agata a Caltanissetta: “Raccogliamo beni di prima necessità per i bambini"

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852