ricerca il tuo profilo
Seguo News
A+
A
A-
Antenna Sicilia chiude i battenti, cronisti e tecnici a casa. L'Assostampa sollecita tavolo tecnico alla Regione
Cronaca
visite295

Antenna Sicilia chiude i battenti, cronisti e tecnici a casa. L'Assostampa sollecita tavolo tecnico alla Regione

“Tra qualche settimana, dopo avere licenziato i giornalisti e i tecnici, Antenna Sicilia non trasmetterà più né telegiornali né programmi di intratten...

Redazione
08 Settembre 2015 09:36

“Tra qualche settimana, dopo avere licenziato i giornalisti e i tecnici, Antenna Sicilia non trasmetterà più né telegiornali né programmi di intrattenimento, scrivendo così in modo fallimentare la parola fine su una storia prestigiosa lunga ormai quasi 40 anni”, lo affermano, in una nota congiunta, l’Associazione siciliana della stampa, la Slc-Cgil e la Fistel-Cisl. I sindacati hanno chiesto all’assessore regionale al Lavoro, Bruno Caruso, “l’apertura di un tavolo di trattative per affrontare con la massima urgenza la vertenza dei lavoratori della Sige che ha annunciato il licenziamento di 16 lavoratori, su un totale di 23, della storica emittente regionale”. “L’azienda, di cui la famiglia Ciancio tramite le proprie società è proprietaria, ricordano Assostampa, Slc-Cgil e Fistel-Cisl, ha avviato nel luglio scorso le procedure previste dalla legge per licenziare i due terzi dei dipendenti, azzerando di fatto la redazione giornalistica e annunciando al contempo di dismettere la produzione di programmi di informazione e di intrattenimento” “Questa scelta che sancisce il risultato di una politica industriale miope e di corto respiro - aggiungono i sindacati - infliggerà un nuovo duro colpo all’informazione in Sicilia con la cancellazione di una ‘voce’ storica e autorevole in un panorama informativo che sta subendo già durissimi colpi e in un contesto diventato sempre più critico dopo l’ingresso del digitale terrestre che, a differenza di tutte le regioni d’Italia – concludono Assostampa, Slc-Cgil e la Fistel-Cisl – non è stato seguito e accompagnato da una apposita legge di sostegno alle aziende e di finanziamento degli indispensabili strumenti di welfare per i lavoratori”. Nello Musumeci, componente la Commissione Lavoro dell’Ars, in una nota ha rivolto un appello all’assessore Bruno Caruso affinchè “si apra con urgenza un tavolo tra la proprietà, la Sige, ed i rappresentanti dei lavoratori. “Che fine ha fatto – si chiede Musumeci – la legge approvata alla unanimità dall’Ars lo scorso anno a sostegno delle emittenti siciliane? Perchè la Sicilia è l’unica Regione italiana a non avere attivato i fondi strutturali, che avrebbero dato una boccata d’ossigeno al settore radiotelevisivo dell’Isola? Serve un’azione concreta da parte del governo regionale e confidiamo nel buonsenso dell’assessore Caruso, affinchè si scongiuri un ennesimo epilogo disastroso per decine di famiglie di dipendenti.”

Mafia a Caltanissetta, allarme della Dia al Parlamento: "Racket, droga e gioco illegale fonti di guadagno per i clan"
News Successiva
"Così contrastiamo il caro libri". Rete degli Studenti Medi apre il mercatino dell'usato: basta speculazioni editoriali

Ti potrebbero interessare

Commenti

Antenna Sicilia chiude i battenti, cronisti e tecnici a casa. L'Assostampa sollecita tavolo tecnico alla Regione

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852