Seguo News
A+
A
A-
Accesso per disabili alla chiesa di Sant'Agata: il parroco chiede l'aiuto della cittadinanza
Cronaca
Visite1

Accesso per disabili alla chiesa di Sant'Agata: il parroco chiede l'aiuto della cittadinanza

Rendere fruibile la chiesa di Sant’Agata a tutti coloro i quali vogliono entrare per assistere alle funzioni religiose o apprezzarne le bellezze artis...

Redazione
10 Giugno 2015 11:01

Rendere fruibile la chiesa di Sant’Agata a tutti coloro i quali vogliono entrare per assistere alle funzioni religiose o apprezzarne le bellezze artistiche. Un appello che da anni è sollevato dai tanti diversamente abili, anziani e famiglie con bambini nel passeggino che, per accedere alla chiesa del Collegio, sono obbligati a sforzi talvolta insostenibili. Il parroco, il sacerdote Sergio Kalizak e il suo vice parroco, il sacerdote Luis César de Olivira, hanno deciso di accogliere le istanze ricevute e, in accordo con il consiglio parrocchiale degli Affari Economici (CPAE) hanno deciso di richiedere le autorizzazioni necessarie per realizzare una piattaforma elevatrice che possa offrire un’alternativa ai fedeli con deambulazione limitata senza, però, danneggiare l’estetica della chiesa. Come si vede dall’immagine, rielaborata nel progetto che è stato approvato lo scorso anno dall’ufficio per i beni culturali ecclesiastici della diocesi di Caltanissetta, dal vescovo Mario Russotto e dalla soprintendenza per i beni culturali e ambientali di Caltanissetta, l’accesso avverrà dal lato visibile solo a chi giunge da via Re d’Italia in modo che la piattaforma sia al tempo stesso funzionale ma non invasiva per la facciata della chiesa. “Per realizzare l’elevatore – ha spiegato il sacerdote Kalizak – dovremo rimuovere solo una piccola parte del marmo del parapetto seicentesco che, dato il suo valore artistico, non sarà demolito bensì, ricollocato”. Il totale dei costi dei lavori che dovrà sostenere la parrocchia ammonta a 11.180 mila euro suddivisi tra l’ascensore monta persone (9.400 euro Iva al 4%) e le opere murarie necessarie (1.300 euro Iva al 4%). Una somma certamente non facile da sostenere soprattutto poiché la comunità di Sant’Agata è molto attiva nel sostegno economico e materiale alle famiglie bisognose del quartiere e dell’intera città e utilizza il ricavato delle offerte principalmente per le opere di beneficienza. Il parroco, dunque, ha chiesto il sostegno e supporto di tutta la cittadinanza per abbattere, almeno metaforicamente, la barriera invalicabile costituita dalla scalinata che, per la sua bellezza artistica, arricchisce Corso Umberto e l’intera città. “Il contributo alla costruzione della piattaforma – ha concluso il parroco - diventerebbe di supporto non soltanto ai fedeli che si recano in parrocchia ma anche al turismo locale e alle migliaia di persone che ogni anno, soprattutto durante la stagione estiva, sono invitati ad assistere alla celebrazione di un matrimonio”. I lavori dovranno essere ultimati entro dicembre 2015 ma secondo quanto prevede l’autorizzazione i lavori potranno iniziare “solo e soltanto dopo che la parrocchia avrà costituito un apposito conto finalizzato e i fondi liquidi necessari alla collocazione della piattaforma”. Nel conto, però, nonostante la generosità dei fedeli e un evento benefico organizzato lo scorso mese presso il teatro Margherita, manca circa la metà dell’importo da raccogliere. Il consiglio parrocchiale degli affari economici fa sapere che “per coloro i quali volessero contribuire con il proprio personale contributo alla raccolta dei fondi potranno contattare direttamente il parroco o effettuare un bonifico presso la Banca di CC. San Michele di Caltanissetta e Pietraperzia (Codice IBAN: IT74W0897916700000000239319)”.

L'incidente a Crocetta e alla sua scorta. Colpa della barriera provvisoria, i pm indagano i tecnici
News Successiva
Criminalità, ecco le moto e gli scooter più rubati in Italia: SH in cima. Sicilia seconda regione per furti

Ti potrebbero interessare

Commenti

Accesso per disabili alla chiesa di Sant'Agata: il parroco chiede l'aiuto della cittadinanza

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013. Direttore responsabile: Rita Cinardi.