ricerca il tuo profilo
Seguo News
A+
A
A-
A Caltanissetta riciclare conviene. Esiste un centro per la raccolta differenziata ma in pochi lo sanno
Cronaca
visite416

A Caltanissetta riciclare conviene. Esiste un centro per la raccolta differenziata ma in pochi lo sanno

Se ognuno fa qualcosa per migliorare la realtà che ci circonda allora il mondo diventerà un posto migliore e nel quale vivere. Un principio sempre val...

Redazione
16 Settembre 2015 08:36

Se ognuno fa qualcosa per migliorare la realtà che ci circonda allora il mondo diventerà un posto migliore e nel quale vivere. Un principio sempre valido soprattutto se si parla di ambiente. A Caltanissetta, nelle aule consiliari così come nei salotti tra gli amici, si discute molto della gestione dei rifiuti, dei suoi costi e delle modalità di smaltimento più o meno eco-sostenibili. Discussioni che rimangono troppo spesso chiacchiere e opinioni senza che venga attuata una strategia veramente efficace o si riesca a infondere nel cittadino l'importanza del riciclo dei rifiuti e del risparmio economico ambientale e personale. Per ogni tonnellata di carta riciclata – solo per fare un esempio – si risparmiano 512 litri di petrolio e 1,28 tonnellate di emissioni di anidride carbonica nell’atmosfera. Nonostante le campagne di sensibilizzazione i cassonetti blu, verdi e gialli (quelli dedicati ai rifiuti riciclabili) rimangono vuoti i tradizionali cassonetti grigi dei rifiuti indifferenziati rimangono sovraccarichi di carta, plastica, vetro e latta. I cittadini spesso non hanno il senso civico (o la voglia) di smistare i rifiuti e si limitano a commentare che inizieranno solo quando "saranno obbligati dalla legge". Se, però, tutti sanno che la spazzatura è un "costo" per l'ambiente e per l'amministrazione pubblica che li deve smaltire nelle discariche, non tutti sanno che alla zona industriale di Caltanissetta, quasi nascosta da una rigogliosa vegetazione presente, in contrada Cammarella, i rifiuti definiti sinteticamente "secchi" sono pagati a peso e portano un reale risparmio ai singoli utenti. La procedura è semplice: basta richiedere il modulo agli uffici presenti in contrada Cammarella, compilarlo con i dati personali e gli immobili per i quali si paga la tassa, farlo convalidare all'ufficio tributi di via Largo Barile, riportarlo al centro di smaltimento e iniziare la raccolta differenziata. La discarica di contrada Cammarella ha degli orari molto flessibili ed è aperta mattina e pomeriggio dal lunedì al venerdì (ore 09.00 alle ore 12.30 e dalle 15 alle ore 17) e il sabato solo la mattina. Dopo ogni consegna, come promemoria, all'utente sarà consegnata una ricevuta nel quale si indica la data, il peso e la tipologia di rifiuto. Ciascuno, dunque, sa con certezza quale sarà l’effettivo risparmio alla fine dell’anno. Tutti i sacchetti, prima di essere gettati negli enormi container presenti nell’area, vengono pesati (per tipologia di materiale) e nel conto elettronico dell'utente viene registrato l'importo corrispondente che, alla fine dell'anno, sommato porterà un reale risparmio fino al 40% del costo totale da pagare. Ogni materiale ha un "diverso valore" e verrà pagato secondo una precisa tabella. Già dal primo smaltimento l’utente sa di risparmiare 1.35 euro per ogni chilo di plastica, 0.15 euro/Kg per vetro e latta, 0.1 euro/Kg per la carta e 0,45 euro/Kg per il cartone. I prezzi, così analizzati sono certamente irrisori ma, per essere giudicati interessanti, vanno calcolati tra quelli cumulati nell’arco di un anno e che, ugualmente importante, ogni bottiglia di plastica o lattina "salvata" dal cassonetto dei rifiuti indifferenziati contribuisce a mantenere il mondo (e il nostro territorio) più pulito e sano per le prossime generazioni. Alcuni utenti, certamente, riusciranno a riciclare con maggiore abbondanza e tra questi rientrano anche le attività commerciali che ricevono la merce nei cartoni o negli involucri di plastica o quelle che si occupano del settore della ristorazione che possono smaltire plastica, vetro e latta soprattutto con le bevande. Alcune piccole accortezze, per gli utenti privati, possono rendere lo smaltimento dei rifiuti meno gravoso come, ad esempio, accumulare i rifiuti e portarli al centro di contrada Cammarella solo quando sono stati raccolti molti chili. L’utente, infine, per fare un servizio veramente efficace per l’ambiente deve eseguire alcuni piccoli gesti prima di gettare i rifiuti. Ogni materiale, infatti, ha il suo contenitore e sbagliare potrebbe comportare, al momento del riciclo, il danneggiamento di un intero blocco di rifiuti. I giornali, ad esempio, vanno gettati nella carta dopo aver tolto eventuali involucri di plastica o puntine metalliche e i contenitori del cibo e dei detergenti vanno sciacquati prima di finire nella pattumiera. Attenzioni, che si imparano con l’abitudine e che rendono il cittadino che le compie un efficiente ecologista e un collaboratore di un mondo migliore. Una domanda, però rimane senza risposta: perché la presenza del centro di raccolta in Contrada Cammarella si diffonde solo con il “passaparola” e la società di gestione Caltambiente o l’amministrazione comunale non provvedono a promuovere l’iniziativa con un'adeguata campagna informativa o con dei semplici volantini affissi nei cassonetti dislocati per la città? Possono essere riciclati per la plastica bottiglie di acqua e bibite, flaconi di detergenti per la pulizia personale e della casa, contenitori di plastica o polistirolo per uova,alimenti e vari oggetti, vasetti dello yogurt, borse e sacchetti della spesa, film pellicole, reggette, cellophane, sacchi per il confezionamento di indumenti, cassette per prodotti ortofrutticoli, piatti, bicchieri e posate di plastica, reti in plastica per frutta e verdura. Possono essere smaltiti come vetro e latta barattoli, bottiglie e vasetti di vetro, chiusure metalliche per vasetti di conserve , tappi a corona e tappi per bottiglie, lattine per le bevande e per l’olio, tubetti vuoti in alluminio per conserve e cosmetici, bombolette spray, contenitori, vaschette e scatolette per la conservazione e il congelamento dei cibi per persone e animali, scatole in acciaio di cibi e liquori, foglio di alluminio da cucina, involucri per il cioccolato o coperchi dello yogurt. Possono essere gettati nella carta cartoni per cibo e bevande, carte da pacchi, borsette e buste di carta, piccoli imballaggi di cartoncino (scatole di merendine o biscotti), confezioni per uova in cartoncino, fogli, fotocopie, quaderni, libri, giornali, riviste, vaschette di carta, fustini di detersivo, tutti gli imballaggi di cartone ondulato o di qualsiasi forma e misura scatole di scarpe, di medicinali, di dentifricio.

Branco di cani semina il panico tra i passanti. La risposta dei vigili urbani: “Interveniamo solo se vi aggrediscono”
News Successiva
Caltanissetta. Incidente in via Leone XIII: rappresentante in scooter ferito dopo scontro con auto

Ti potrebbero interessare

Commenti

A Caltanissetta riciclare conviene. Esiste un centro per la raccolta differenziata ma in pochi lo sanno

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
Adriano Rabiolo Fisioterapista Caltanissetta