ricerca il tuo profilo
Seguo News
A+
A
A-
Cardellino tenuto in gabbia al cimitero di San Cataldo liberato dalle guardie del Wwf
Cronaca
visite1403

Cardellino tenuto in gabbia al cimitero di San Cataldo liberato dalle guardie del Wwf

L’uccellino era stato catturato e illecitamente detenuto presso l’ufficio dei custodi del cimitero comunale. Adesso è stata avviata un’indagine penale, poiché il cardellino è una specie protetta e tutta la fauna selvatica costituisce patrimonio dello Stato

Redazione
09 Ottobre 2019 10:34

Nei giorni scorsi le Guardie giurate del WWF di Caltanissetta hanno sequestrato un giovane esemplare di Cardellino (nome scientifico “Carduelis carduelis”) illecitamente detenuto presso l’ufficio dei custodi del cimitero comunale di San Cataldo (CL). Una segnalazione alle Guardie WWF parlava di una gabbietta bellamente esposta nella stanza dell’ufficio cimiteriale, all’interno della quale un Cardellino si dimenava nel vano tentativo di fuggire; subito sono intervenute le Guardie WWF che, effettivamente, hanno riscontato la detenzione dell’uccellino appartenente ad una specie particolarmente protetta e, quindi, hanno proceduto a sequestrarlo penalmente per violazione della legge statale sulla tutela della fauna nonché per il reato di maltrattamento di animali. Adesso la Procura della Repubblica di Caltanissetta ha avviato un’indagine sulla base della denuncia depositata dagli Agenti del WWF; intanto il Pubblico Ministero dott. Dario Bonanno ha disposto la liberazione del Cardellino – poiché tutta la fauna selvatica costituisce patrimonio dello Stato e non può essere detenuta da privati – incaricando il WWF di provvedere alla reimmissione in natura in habitat idoneo.Dalle indagini delle Guardie WWF sono emersi precisi elementi per individuare i responsabili dell’illecita detenzione del Cardellino, verosimilmente catturato negli scorsi mesi con trappole o reti nello stesso cimitero di San Cataldo che, grazie alla fitta vegetazione arborea presente ed alla tranquillità dei luoghi, ospita numerosi uccelli selvatici. Per la detenzione illegale di animali selvatici come il Cardellino la legge 157/92 prevede la sanzione penale dell'arresto da due a otto mesi o l'ammenda fino a 2.065,00 euro; per la detenzione di uccelli in piccole gabbie in condizioni di maltrattamento, la pena prevista dall’art. 727 del Codice penale è quella dell'arresto fino ad un anno o l'ammenda fino a 10.000 euro.
Per non alimentare il bracconaggio e la distruzione del patrimonio faunistico, il Nucleo Provinciale di Caltanissetta delle Guardie venatorie e zoofile WWF invita la cittadinanza a non acquistare mai Cardellini od altri uccelli selvatici e, anzi, rivolge un appello affinché vengano prontamente segnalati casi di vendita o detenzione di uccelli protetti alle Forze dell'Ordine o direttamente al WWF, anche via email all’indirizzo: guardiewwf.caltanissetta@gmail.com

Si sarebbe appropriato di somme non dovute, chiesti quattro anni per l'ex magistrato Ingroia
News Successiva
Caltanissetta. Corriere trasportava tre ovuli di eroina occultati nel retto, arrestato dalla Squadra Mobile
Seguici su
Google News
Resta sempre aggiornato
con le notizie di Seguonews
Commenti
Cardellino tenuto in gabbia al cimitero di San Cataldo liberato dalle guardie del Wwf
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.

Ti potrebbero interessare

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
.1
Realizzazione Siti web Caltanissetta