ricerca il tuo profilo
Seguo News
A+
A
A-
Carabiniere uccide ragazzo di 15 anni che tentava di rapinarlo: i familiari devastano il pronto soccorso
Cronaca
visite3094

Carabiniere uccide ragazzo di 15 anni che tentava di rapinarlo: i familiari devastano il pronto soccorso

Il carabiniere era in abiti civili. Il ragazzo avrebbe preteso dal militare che gli consegnasse il rolex. Poi la sparatoria

Redazione
01 Marzo 2020 17:10

Un ragazzo di 15 anni  Ugo Russo, è morto la notte scorsa a Napoli dopo aver tentato di mettere a segno una rapina ai danni di un carabiniere in abiti civili. E' successo in via Generale Orsini, vicino al Lungomare. A quanto riferiscono i carabinieri, che indagano sulla vicenda, il ragazzo impugnava una 'replica' di una pistola vera, con cui avrebbe minacciato il militare. L'uomo ha reagito e ha sparato diversi colpi verso il 16enne che, rimasto ferito alla testa e al torace, è morto poco dopo all'ospedale dei Pellegrini, dove era stato trasportato dal 118. Le indagini sono condotte dal Nucleo Investigativo del Reparto Operativo del Comando provinciale dei carabinieri, In seguito alla morte i parenti della vittima hanno devastato il pronto soccorso del Pellegrini e si è verificato un raid contro la caserma Pastrengo.Secondo la ricostruzione del Comando provinciale dei carabinieri di Napoli, nella tarda serata di ieri, nella zona di Santa Lucia, il 15enne, con il volto coperto con scaldacollo e casco, in scooter insieme a un complice di 17 anni ha tentato di rapinare il carabiniere in abiti civili. Contrariamente a quanto riportato in precedenza, il minorenne non era armato di pistola ma di una replica, in metallo e del tutto simile a quella in uso alle forze dell'ordine, uguale al modello Beretta 92. Il militare, 23 anni, in servizio in provincia di Bologna, era a bordo della propria auto con una ragazza. A quanto ricostruito dal Comando provinciale il ragazzino ha minacciato con l'arma il 23enne intimandogli di consegnare l'orologio che aveva al polso. L'uomo, con l'arma puntata alla tempia, dopo essersi qualificato - sottolinea il Comando provinciale - ha sparato tre colpi con la pistola d'ordinanza, ferendo mortalmente il 16enne. Le indagini sono coordinate dalla Procura, con il pm intervenuto sul posto.
I due giovani provengono entrambi dai Quartieri Spagnoli. Il carabiniere potrebbe essere indagato per omicidio; un atto dovuto, si afferma in ambienti investigativi, per consentire lo svolgimento degli accertamenti 'irripetibili e garantiti'. Per il 17enne, ascoltato per diverse ore dai carabinieri e presunto complice, ci sono gli elementi per valutare l'ipotesi di tentativo di rapina.
All'alba di oggi il pronto soccorso è stato devastato (nella foto un'immagine tratta dal profilo Facebook della Asl) dai parenti della vittima, tanto che è stato necessario sospendere il servizio di pronto soccorso e trasferire otto pazienti in altri reparti o ospedali. Lo riporta Asl Napoli 1 Centro diretta da Ciro Verdoliva. La decisione è stata presa a seguito del sopralluogo effettuato questa mattina da funzionari e tecnici. Sono in corso le operazioni per il ripristino delle attività: la riapertura del pronto soccorso è prevista per stasera alle 20.
A seguito della morte del 15enne inoltre il Comando provinciale dei carabinieri è stato oggetto di un raid: quattro colpi di pistola sono stati esplosi ad altezza d'uomo contro la caserma di via Morgantini, vicino al passo carraio, da due persone a bordo di uno scooter. E' successo mentre all'interno dell'edificio si trovava il 17enne coinvolto nella rapina. Lo si apprende da fonti investigative secondo cui all'origine del raid vi sarebbe o una minaccia contro i militari o un avvertimento diretto ai familiari del 17enne, ritenuto responsabile di aver consentito che fosse il più giovane a compiere il tentativo di rapina. Diverse donne si trovavano infatti davanti all'ingresso pedonale del Comando.
A seguito dell'episodio il prefetto di Napoli, Marco Valentini, ha disposto "l'intensificazione dei servizi di controllo del territorio e di vigilanza ad obiettivi sensibili". Inoltre ha contattato il direttore generale della Asl Napoli 1 Centro e la direttrice del pronto soccorso per esprimere solidarietà, assicurando la "piena collaborazione delle forze dell'ordine per l'espletamento di adeguati servizi di vigilanza, che sono stati immediatamente disposti".
 

Caltanissetta, controllate 72 persone e 1023 macchine. Rinvenuta un'auto rubata e sequestrata pianta di marijuana
News Successiva
Controlli dei carabinieri a Caltanissetta e San Cataldo: denunciato un giovane trovato con il metadone
Seguici su
Google News
Resta sempre aggiornato
con le notizie di Seguonews
Commenti
Carabiniere uccide ragazzo di 15 anni che tentava di rapinarlo: i familiari devastano il pronto soccorso
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.

Ti potrebbero interessare

Articoli simili

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
.1
Realizzazione Siti web Caltanissetta