ricerca il tuo profilo
Seguo News
A+
A
A-
Caltanissetta, Dolce si dimette dalle cariche ricoperte nel Pd: "Alle amministrative scelte scellerate.E' stata una disfatta"
Politica
visite2616

Caltanissetta, Dolce si dimette dalle cariche ricoperte nel Pd: "Alle amministrative scelte scellerate.E' stata una disfatta"

Il consigliere comunale uscente analizza i risultati delle amministrative e chiede le dimissioni del segretario dei Dem

Redazione
18 Maggio 2019 23:04

Ho atteso qualche giorno con la speranza che il segretario provinciale del mio partito, mosso da un sussulto d’orgoglio, proferisse qualche parola circa la disfatta elettorale del PD alle amministrative di Caltanissetta.Il risultato delle amministrative è figlio, oltre che di scelte politiche sbagliate, di una gestione del partito personalistica, che non ha mai previsto alcuna discussione negli organismi preposti, convocati solamente se non era possibile farne a meno.
Questa volta la disfatta è talmente “fuori misura” che non si può fare finta di niente e continuare come se nulla fosse successo. Per la prima volta, nella storia della politica nissena, nessun rappresentante dell’area di centrosinistra siederà tra gli scranni di Palazzo del Carmine. Ognuno di noi ha delle responsabilità e di certo non voglio sottrarmi alle mie, nella qualità di dirigente e di ex Consigliere Comunale.
Ma non intendo farmi carico di alcune scelte scellerate, che ho contestato da subito, assunte dal Partito Democratico: a partire dalla decisione (significativamente presa, a maggioranza, il giorno prima della celebrazione delle primarie!) di presentarci ai cittadini senza il nostro simbolo, rinunciando così alla nostra identità ed alla nostra storia. Un partito non può e non deve nascondersi dietro al paravento di una presunta lista civica, ma si deve presentare di fronte agli elettori a schiena dritta, con i pregi ed i difetti che ne hanno caratterizzato la sua attività, politica ed amministrativa.
Anche sulla composizione della lista, tenuta top secret fino al giorno prima della presentazione, si dovrebbe spendere qualche parola, ma oggi mi limito a ringraziare tutti i candidati al consiglio comunale che si sono spesi, raggiungendo peraltro risultati molto più che soddisfacenti. Complessivamente, il PD ha pagato la presenza di una decina di candidati inseriti solamente per riempire la lista, frutto di una scelta che, nella mente di qualche illuminato dirigente, mirava ad eleggere al massimo uno o due consiglieri vicini, ed escludere chi fosse meno allineato.
Con scelte diverse e più coraggiose, oggi, probabilmente, potremmo contare su una rappresentanza in Consiglio Comunale.  Scelte coraggiose che per fortuna, il Partito Democratico, negli ultimi mesi, sia a livello regionale che nazionale, sta assumendo: mi riferisco in particolar modo al tentativo di costruire un ‘campo largo’ che veda insieme forze europeiste, progressiste e democratiche ed in questo senso le candidature di Pietro Bartolo e di Giuliano Pisapia sono un segnale incoraggiante per il futuro del partito.
Segnali purtroppo in netta contrapposizione con quanto avvenuto nella nostra provincia, laddove siamo stati protagonisti di alleanze anomale, in netto contrasto con quanto avviene nel resto d’Italia. Pur rispettando le scelte dei dirigenti gelesi, che peraltro stimo ed apprezzo per l’impegno profuso in questi anni, non posso e non voglio immaginare un patto del Nazareno in salsa sicula. E il tentativo di contrastare le forze sovraniste e populiste non può giustificare un’alleanza che, per quanto mi riguarda, non è un modello presente e futuro.
Oggi più che mai vi è bisogno di un impegno, civico e politico, di un’area riformista e progressista che, con la forza delle proprie idee, la cultura e la conoscenza, sappia contrastare le forze sovraniste che stanno fomentando odio nel nostro paese. E’ necessario che il PD, anche a Caltanissetta, torni ad occuparsi del disagio sociale ed economico, discutendo ed affrontando i problemi dei cittadini, oggi evidentemente stanchi e delusi dalla politica (le percentuali sull’astensionismo dovrebbero far riflettere tutte le forze politiche).
Perché ciò avvenga, è però necessario che tutto venga azzerato e che si ricostruisca, dalle macerie, un partito ad oggi dilaniato da guerre intestine, alimentate da chi ha fatto del ‘divide et impera’ quasi una ragione di vita. Per fortuna, anche nella nostra provincia vi sono dirigenti ed amministratori, preparati e seri, sui quali investire in prospettiva e da cui ripartire senza condizionamenti di sorta.
Caro segretario, in conclusione provo a semplificare: nello sport, quando una squadra retrocede senza vincere nemmeno una partita, sai cosa accade? Che l’allenatore si dimette, assumendosi la responsabilità del tracollo. Io, in questi anni, le partite le ho disputate da giocatore, compiendo innumerevoli errori. Di questa disfatta, in fondo, mi sento corresponsabile, nonostante non abbia condiviso molte delle scelte ‘tattiche’ degli ultimi mesi.
Per tale ragione, a partire da oggi, mi dimetto da ogni carica, cittadina e provinciale, in seno agli organismi di partito.
La mia speranza, che probabilmente rimarrà tale, è che l’allenatore, nonché capitano, sappia seguire l’esempio, assumendo finalmente una decisione che lo riscatterebbe da una gestione del partito della quale, personalmente, non sentirò la mancanza.
Francesco Dolce

Vitalizi, Cancelleri: "Sicilia vergogna d'Italia. Assieme al Trentino è l'unica che non li taglia"
News Successiva
Caltanissetta, Faraone visita il centro di Pian del Lago: "Chiederemo a Salvini di non depotenziarlo
Seguici su
Google News
Resta sempre aggiornato
con le notizie di Seguonews
Commenti
Caltanissetta, Dolce si dimette dalle cariche ricoperte nel Pd: "Alle amministrative scelte scellerate.E' stata una disfatta"

Francesca

Bravo questo gesto ti fa onoreil pd si dovrebbe azzerare e ricominciare conforze giovani. Speriamo ch siano in tanti a seguire il tuo esempio si sente il bisogno di aria nuova bravo

LUIGI

Gent.mo sig. Dolce. Premetto di non essere iscritto in nessun partito politico ma di seguirne l'andamento con grande serenità . Mi stranizza il fatto che Lei adesso finite le elezioni, faccia questa considerazione. Ma prima dove si trovava? Dove era Lei quando il partita "PD" non ha avuto il coraggio di mettere il proprio simbolo nell'appoggiare il Candidato Messana? Vi siete messi , Voi del PD, sotto mentite spoglie alle spalle di una lista civica! E adesso piange le conseguenze. ! Ma finitela .... eravate al governo e non avete fatto niente e adesso Zingaretti parla di lavoro..! Forse è meglio dimettersi. ha fatto bene. Il tempo delle mele..anzi del PD...è finito. Buona continuazione in politica ...costruttiva!!

Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.

Ti potrebbero interessare

Articoli simili

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
.1
Realizzazione Siti web Caltanissetta